Nhumus: il museo sulla fertilità del suolo

Link al sito web del museo
Indirizzo:
Via Acqua Gelata 2/A | 12060, Barolo (CN) | Italia

Presso la sede dell’Agriturismo e Fattoria Didattica “Il Bosco delle Galline Volanti” di Barolo, in Piemonte, è stato realizzato uno spazio interamente dedicato alla didattica che comprende un laboratorio con postazioni dotati di microscopi per la sperimentazione e le sessioni di cooking class e un percorso museale detto “Nhumus” che approfondisce le tematiche relative alla formazione e al mantenimento del suolo fertile.Il percorso museale del “Nhumus” è composto da 9 tappe, il filo conduttore, ovviamente è la fertilità del suolo e si sviluppa dalla pedogenesi ai frutti della terra che l’uomo ha saputo valorizzare nei secoli passando attraverso uno sguardo sugli abitanti del terreno macro e micro e sulle tecniche agronomiche migliori per mantenere intatto l’ecosistema suolo.

Durante il percorso sarete accompagnati dalla mascotte Weedy, un modo per attrarre i bambini lungo il percorso, e ci si sposta da una postazione all’altra andando a leggere cosa ci racconta Weedy che rappresenta una pianta pioniera, coraggiosa e tenace, meno apprezzata dagli agricoltori perché da loro è denominata infestante, ma al Bosco delle Galline Volanti sappiamo quanto sia importante la biodiversità e quindi è diventata nostra amica e alleata.

  • Postazione 1 – Weedy e il Bosco delle galline Volanti
  • Postazione 2 – Pedofauna, Pedoflora e come preservarle
  • Postazione 3 – Pedogenesi e fragilità del suolo fertile
  • Postazione 4 – Antropizzazione ovvero come l’uomo modifica il suo ambiente
  • Postazione 5 – Il respiro della terra, le micorrize e le reti sotterranee
  • Postazione 6 – il re delle micorrize: il tartufo
  • Postazione 7 – La ricerca del tartufo, il cane e il trifulau
  • Postazione 8 – il tartufo nella gastronomia
  • Postazione 9 – Sinergia e consociazioni

Weedy, la mascotte del museo, è una pianta infestante. La scelta di questo tipo di pianta come mascotte vuole sottolineare il valore delle piante resistenti, pioniere e che senza l’aiuto di nessuno colonizzano e rendono possibile la vita sul nostro pianeta. Weedy spiega dove è nata, in che tipo di terreno/ambiente vive e come sviluppa le sue radici per gestire al meglio le risorse. Il dialogo con Weedy è presentato in un fumetto stampato su un pannello a parte, per renderlo visivamente distintivo e per attrarre i bambini lungo il percorso del museo.

Ma cosa significa “Nhumus”? “Nhumus” rappresenta un nuovo modo di interpretare l’agricoltura. “N” significa nuovo e “humus” terra fertile. La definizione di “humus” è legata sia alla natura che alla socialità umana e sottolinea l’importanza di preservare il suolo fertile e presenta tecniche agricole che cercano di sviluppare l’autofertilità del terreno.

Ma possiamo spezzare Nhumus e farlo diventare New human are us, ovvero la nuova umanità che si prende finalmente cura del luogo in cui vive. Non si riferisce alle generazioni future ma a noi, dobbiamo essere noi ad agire se vogliamo dare speranza alle generazioni successive.

L’azienda agricola “Il Bosco delle Galline Volanti” ha promosso la realizzazione del museo “Nhumus” e si dedica alla ricerca nel settore dell’ agricoltura con la necessità di un nuovo approccio all’agroecosistema e con l’idea che il suolo vada preservato. Il museo non si concentra solo sulla fertilità del suolo, ma parte da questa per svelare come l’uomo, dai tempi più remoti fino ad oggi, ha intrecciato la sua vita con la terra. Il museo rappresenta anche la necessità di una nuova economia in cui non solo i soldi, ma anche la terra, la natura e l’ambiente, abbiano valore.

Il museo è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 17:00 e per la visita autonoma il museo è ad ingresso libero, mentre la visita guidata deve essere prenotata in anticipo. Prenota online a questo link

Foto e Video