Vacanza a Los Angeles con i bambini

Indirizzo:
Los Angeles | Stati Uniti

Dici Los Angeles e pensi a Disneyland. E non può non essere così perché questo è il posto più felice del mondo dove le strade sono sempre pulite, le persone di buon umore e ogni giorno è una festa, quindi da non perdere durante una vacanza a Los Angeles con i bambini. Ma la città degli angeli è anche altro e i bambini hanno tantissime cose da fare.

Perché Hollywood, il quartiere sulle colline nella parte orientale di Los Angeles, non è solo il posto per eccellenza dei sogni. Ma è quello in cui i sogni diventano realtà. Dove, se non qui, potevano sorgere gli Universal Studios ovvero gli studi cinematografici più spettacolari con tanto di parco a tema dove partecipare a uno dei tanti tour dietro le quinte?

Per la prima volta i mondi di fantasia si possono vedere con gli occhi e toccare con mano. Los Angeles è una città kid-friendly che si rivela nelle cose semplici, come le tante gelaterie per golosi, e in quelle grandi e grandissime.

L’Aquarium of the Pacific, ad esempio, non può essere catalogato come semplice acquario. Sì, come da altre parti solo una (spessa) lastra di vetro separa i visitatori da squali, meduse e otarie, ma a fare la differenza è il contesto hi-tech della struttura. Qui sono stati ricreati quatto habitat oceanici – le baie della Bassa California, il Pacifico settentrionale, le barriere coralline tropicali e le foreste locali di alghe brune kelp – con oltre 12.000 esemplari. Tutti visibili grazie alla sapiente installazione di enormi finestre dal pavimento al soffitto.

E siccome lo stupore arriva anche dalle cose piccole e belle, alcune vasche ospitano i cavallucci marini, protagonisti di tante indimenticabili storie per bambini. Un consiglio? Prendersi tutto il tempo necessario perché la visita dell’Aquarium of the Pacific può richiedere tutta la giornata.

Le tre esperienze imperdibili in una vacanza a Los Angeles con i bambini

Non dimentichiamo che siamo negli Stati Uniti, patria della modernità e dell’innovazione, del progresso e della sperimentazione, ma anche dell’esagerazione e dell’eccentricità. E così, tra divertimento e didattica, ci sono almeno tre musei a Los Angeles che non possono mancare nell’itinerario di una vacanza a Los Angeles con i bambini. Il primo è il California Science Center. Qui i bambini possono partecipare alla simulazione di un terremoto (sì, proprio così), assistere all’uscita dei pulcini dalle uova e rimanere di sasso davanti alla gigantesca bambola tecnologica di nome Tess. Lo Space Shuttle promette invece meraviglie con un meraviglioso viaggio virtuale tra le stelle e i pianeti.

Poi c’è il Griffith Observatory: di giorno si prende posto nel planetario, di notte sul prato. Tra le attrazioni è d’obbligo ricordare gli spettacoli del planetario. Non solo per la presenza di una delle cupole più grandi al mondo nel suo genere, ma per l’avveniristico proiettore stellare e il laser di ultima generazione. Gli show lasciano a bocca aperta perché permettono di partecipare a un viaggio stellare fino alle origini dell’universo o di andare alla ricerca di acqua nel sistema solare, ammirare una mostra sull’aurora boreale o farci rendere conto della posizione dell’uomo nell’immensità dello spazio.

Anche il Natural History Museum consente di viaggiare, ma questa volta intorno al mondo e attraverso le ere geologiche. Dai dinosauri ai coleotteri, dagli scarafaggi ai diamanti, dagli elefanti africani agli orsi: tutte le collezioni sono custodite in un antico edifico del 1913. Lo stesso che è apparso nel primo film dell’Uomo ragno, nella famosissima scena del morso del ragno radioattivo al giovane Peter Parker. Due dritte per le famiglie italiane: quando sono aperti anche i padiglioni dedicati alle farfalle e ai ragni è consigliabile acquistare i biglietti con un buon anticipo così da avere la certezza di entrare. E poi, l’ingresso ai musei è gratuito il primo martedì di quasi tutti i mesi. Meglio informarsi.

Los Angeles Zoo: 1.100 amici animali

Chi l’avrebbe mai detto che la moderna e instancabile Los Angeles rappresenti anche una straordinaria opportunità per osservare gli animali? E mica pochi perché nel Los Angeles Zoo sono circa 1.100 gli esemplari ospitati tra mammiferi, pesci e uccelli appartenenti a oltre 250 specie diverse a cui i più piccoli possono tendere la manina. Tanto per avere un’idea della maestosità di questa struttura, ma soprattutto dell’importanza che riveste nella città degli angeli, la sua creazione risale a oltre cento anni fa (esattamente nel 1912) come rifugio per animali da circo. A distanza di un secolo, mobilita oltre un milione di visitatori ogni anno e durante la vostra vacanza a Los Angeles con i bambini farete aumentare questo importante obiettivo.

Ne richiama un po’ meno, ma il Bob Baker Marionette Theater si rivela un’esperienza altrettanto speciale. Gli spettacoli di questo teatro dei burattini sono a base di canti e danze per la gioia incantata dei piccoli spettatori. Tutti i personaggi sono tra l’altro realizzati sul posto e molti di loro sono in vendita come originali souvenir.

Spiagge, parchi e laghi: il divertimento è all’aperto

Los Angeles non è solo la città con spiagge dorate e celebri colline, ma… è soprattutto questo. E anche per i bambini le occasioni sono moltissime. Come Manhattan Beach, una distesa di spiaggia dorata che ha una caratteristica imperdibile: la vicinanza con la gelateria più buona di questo tratto di costa. E mentre i più piccoli lo assaporano con tutta l’attenzione che merita, la mamma può fare tappa in una delle tante boutique alla moda e il papà ammirare le onde perfette del mare, lasciandosi sedurre dai sorrisi oversize della gente del posto quanto gli occhiali da sole che inforcano. L’ampia duna di sabbia del San Dune Park (30 metri!) è perfetta per i bambini per lanciarsi più e più volte giù. Tanto per loro la risalita non è mica un problema.

Griffith Park è invece uno degli spazi verdi urbani più grandi del Paese. Con una certa meraviglia qui trova spazio una giostra per tutte le età. Secondo la regola che più grande è meglio, questo Parco – donato alla città dal magnate dell’industria mineraria Griffith J. Griffith – è cinque volte più esteso del celebre Central Park di New York. I suoi 85 chilometri di sentieri (o 53 miglia secondo lo standard di misura degli States) sono un’attrattiva per le famiglie. Ma prima è necessario passare dall’ufficio dei ranger per la mappa così da orientarsi con facilità, pianificare il percorso e fare una scelta tra le tante occasioni offerte.

Dal parco al lago il passo è brevissimo perché l’Echo Park Lake è un’altra miniera di opportunità. Le famiglie con bambini possono salire a bordo di un pedalò o di una canoa per muoversi dolcemente tra le anatre e i cigni e sfiorando la fontana zampillante. Anche in questo caso c’è un riferimento cinematografico. Questa zona è infatti conosciuta per le imprese dell’investigatore Jake Gittes nel famoso film Chinatown di Roman Polanski.

In fin dei conti, più che nel cielo, a Los Angeles si vedono più stelle sul grande schermo, nei ristoranti esclusivi e lungo la Hollywood Walk of Fame, i due marciapiedi che corrono lungo la Hollywood Boulevard e la Vine Street. E su cui, perché no, i bambini possono sperare di farne un giorno parte. Questa è la città dei sogni, non dimentichiamolo.

Foto e Video