MENU DI NAVIGAZIONE

Borghi più belli d’Italia: i nuovi da visitare per una gita in primavera con tutta la famiglia

borghi più belli italia

Andiamo a fare una gita?”: se anche i vostri bambini con l’arrivo della primavera amano fare passeggiate e visitare posti nuovi, portateli a vedere i Borghi più belli d’Italia, quei piccoli centri abitati italiani che sapranno catturare gli sguardi e appassionare grandi e piccini con la loro storia, le bellezze artistiche e culturali, e che sono entrati a far parte dell’omonima associazione, superando test e valutazioni in merito alla cura del territorio e al patrimonio che posseggono.

Perché scegliere di visitarli in famiglia e con i bambini? Perché da nord a sud, isole comprese, la nostra Italia offre un immenso patrimonio da conoscere, tramandare e preservare per le nuove generazioni e poi perché questi incantevoli scorci del nostro paese, piccoli e ben curati, sono presenti in tutte le regioni, sono luoghi gratuiti e spesso vicini a casa, piccoli e quindi facilmente visitabili in poco tempo con a seguito bambini e passeggini.

Ci sono ben 361 borghi certificati e BimboinViaggio ha selezionato per voi gli ultimi entrati nella lista per darvi qualche ispirazione e consigliarvi un viaggetto con tutta la famiglia: segnatevi questo elenco se anche voi amate i vicoli fioriti, i palazzi storici e conoscere leggende e storie del Bel Paese, fuori dai grandi circuiti turistici, dove è possibile imparare nuove storie e rivivere a passo lento un territorio dai sapori autentici e dalle persone gentili. Ecco di seguito la nostra selezione.

Al Nord

MACCAGNO IMPERIALE (Varese). Lasciatevi accompagnare fra le millenarie strade e i vicoli medievali di Maccagno Imperiale, una frazione del comune di Maccagno con Pino e Veddasca, borgo della provincia di Varese e del Lago Maggiore, che vanta un castello e una Torre imperiale che veglia sul golfo.
NON PERDETE una dolce chicca: la bianca Chiesa della Madonna della Punta, innalzata proprio sopra la riva del lago. Se riuscite prenotate una visita guidata per conoscere il cammino delle torri o partecipare ai laboratori di danze o cibi medievali e le rievocazioni storiche che si organizzano periodicamente.

BADALUCCO (Imperia). Passiamo in Liguria, in uno dei borghi medievali più belli della Valle Argentina: perdetevi fra le palazzine colorate, le scalinate e i vicoletti di Badalucco, ricca di frantoi, dove viene realizzato il pregiato olio extravergine d’oliva, un vero marchio di fabbrica ligure! I bambini si divertiranno a visitare le fattorie didattiche e conoscere la strada dall’oliva alla bottiglia nel Museo dell’olio.
NON PERDETE poi il tour alla ricerca dei muri affrescati e la vista dall’alto, dove si trova la Chiesa di San Niccolò che domina il piccolo borgo.

In Centro

MONTEPRANDONE (Ascoli Piceno). Scivoliamo nelle Marche per raggiungere Monteprandone, anzi se riuscite lasciate l’auto a casa e muovetevi con la bicicletta per rilassarvi fra viali di pino e vigne profumate: appoggiato su un colle, questo borgo a 280 metri d’altezza fu terra natia per San Giacomo della Marca, il protettore dei bambini. Nel Palazzo del municipio c’è l’antica biblioteca del santo e a un chilometro il convento francescano con la sua tomba.
NON PERDETE le colline ricche di cantine e vigneti: non è lontano il Quercus Park di Ripatransone, dentro un bosco di querce, dove i più piccoli potranno divertirsi fra carrucole, liane e ponti di legno (prenotare prima al 3287734064).

GIANO DELL’UMBRIA (Perugia). Non lontano da Foligno c’è Giano dell’Umbria, un borghetto medievale che però aveva probabilmente origini romane: in cima alla collina dove si trova il palazzo Pubblico, (oggi Municipio), c’è infatti una raccolta di reperti archeologici di un’antica villa romana. Appena fuori le mura si trova la chiesa di San Francesco, a una sola navata (tipica degli edifici mendicanti francescani), con un importante ciclo di affreschi. A pochi chilometri, in una stupenda posizione paesaggistica, si possono visitare anche l’abbazia di San Felice, capolavoro d’arte romanica e i castelli di Castagnola, Montecchio e di Morcicchia, che conservano alcune torri.
NON PERDETE l’escursione al Monte Martano, ideale per escursioni di trekking, da cui si gode una straordinaria vista su tutta la vasta pianura umbra.

PALENA (Chieti). Anche in Abruzzo, nel cuore del Parco della Majella, si può trovare il borgo di Palena, attraversato da cascatelle e piccoli laghetti, in provincia di Chieti. Oltre a visitare l’antico borgo quindi, se siete amanti del torrentismo (e i bimbi hanno almeno 10 anni) potete lanciarvi nelle sue fresche acque, accompagnati da guide naturalistiche fra scivoli d’acqua naturale e pozze rigogliose. Palena è anche conosciuto come il paese delle orchidee!
NON PERDETE a fine maggio la festa nel centro, con spettacoli e attrazioni per i bimbi, il mercato con manufatti sul tema delle orchidee e tanti prodotti tipici della zona da assaggiare!

Palena

Palena

Al Sud

FRIGENTO (Avellino). I bimbi sono appassionati di geografia? Portateli a Frigento, una perla dell’Irpinia, un vero e proprio cuore dell’Italia, delizioso comune panoramico disseminato di scale in pietra, sviluppato su tre colline, da cui si possono ammirare ben 5 regioni, 11 province e 102 comuni! Terra di grano e di formaggi, che potrete gustare nelle trattorie locali con assaggi di peperone crusco e pane cotto, negli antichi forni a doppio fuoco, un patrimonio gastronomico da preservare e far assaggiare anche ai bambini.
NON PERDETE neppure la Panoramica Limiti, la passeggiata naturalistica con vista sulle vallate che circondano il territorio.

AGIRA (Enna). Avete mai sentito parlare della cassatelle di Agira? Se vi manca l’assaggio di questo straordinario dolce secolare, raggiungete la verde provincia di Enna e innamoratevi di questa lunetta di frolla con ripieno al cacao e frutta secca, simbolo di questa terra e della sua ricca tradizione dolciaria. Il borgo si erge sul monte Teja con il suo castello e sorge sugli antichi resti della città sicula Agyrion, che venne colonizzata dai greci al loro arrivo in Sicilia, ma oggi Agira è anche un moderno centro alla moda, dove sorge uno dei più rinomati centri per lo shopping isolano, ovvero il Sicilia Outlet Village.
NON PERDETE la vista panoramica sul lago di Pozzillo con dietro la maestosa Etna e se andrete in inverno il Presepe Vivente di Agira, l’unico in Sicilia a svolgersi nella notte di Natale.

I Borghi Ospite > I nuovi sono San Marino e Rasiglia

Ogni anno l’Associazione dei Borghi più belli d’Italia ammette nel circuito alcuni borghi che pur avendo oltre 15.000 abitanti (limite massimo che i comuni devono avere per essere certificati dall’Associazione, oltre a non avere più di 2000 abitanti nel centro storico) hanno superato i requisiti previsti dalla Carta di Qualità e che vengono ammessi eccezionalmente come Borgo Ospite.

Nel 2024 i nuovi della lista sono Populonia (Grosseto) e Gaeta medievale (Latina), nelle Marche Torre di Palme (Fermo) e Fiorenzuola di Ficara (Pesaro Urbino), in Sicilia Erice (Trapani) e in Sardegna Lollove (Nuoro), cui si aggiungono il centro storico di San Marino, la più antica Repubblica del mondo e una delle più piccole (con soli 3997 residenti), un Paese estero dove però si parla il romagnolo, arroccata in cima al Monte Titano e a più di 700 metri sul livello del mare e infine Rasiglia, una frazione del comune di Foligno, col suo centro storico circondato da campagne, colline olivate, montagne e altri piccoli borghi perfettamente conservati.

Informazioni ed eventi aggiornati su tutti i Borghi più belli d’Italia

di Valentina Castellano Chiodo
Immagini: Ufficio Stampa Borghi più belli d’Italia, Bimboinviaggio