MENU DI NAVIGAZIONE

Svizzera: Losanna da ri- scoprire con i bambini e con tante sorprese a piccoli prezzi

vacanze estive con i bambini a losanna

Voglia di ri-vivere, di ri-trovare normalità e piacere della vita. Anche per Losanna, piccola capitale del Vaud con l’animo da metropoli, è tempo di un rapido e gioioso ritorno alla quotidianità. Con tutta la complicità di una estate che, quest’anno più che, mai invita al dolce far niente, tentati dalla convivialità di una sosta gourmand, ammirati dalla visita di un museo o di una mostra, conquistati dai panorami che la circondano e dalle sue atmosfere rivierasche. Un programma di viaggio che si arricchisce di tante iniziative a misura di individuali e famiglie. A cominciare dal nuovo Lausanne City Pass valido da 1 a 3 giorni che consente l’accesso a musei ed attività con un unico biglietto; e dal Carnet de voyage riservato agli ospiti più piccoli.

Lausanne City Pass: il meglio della città con un unico biglietto di accesso

Il Lausanne City Pass, valido da 1 a 3 giorni, apre agli ospiti le porte di alcune delle maggiori attrazioni della città e dei dintorni con un unico biglietto, a prezzi ridottii. Il pass valido 1 giorno (Chf 35) include le visite della Collection de l’Art Brut, del Museo Olimpico, del Museo Cantonale di Belle Arti ora nella nuova sede di Platerforme 10, e l’originale salita al Campanile della Cattedrale, oltre all’utilizzo per l’intera giornata dei mezzi urbani nell’area 11 e 12.

La soluzione valida 2/3 giorni (Chf 39), oltre a quanto previsto dal City Pass di 1 giorno comprende le visite del Museo romano di Losanna – Vidy, del Museo Storico e della Fondation de l’Hermitage Oltre ad un goloso souvenir della cioccolateria Durig di Losanna. Il Pass 2 – 3 giorni prevede anche visite a tariffe ridotte dell’Acquarium Vivarium Acquatis e di altre attrazioni del cantone: il Castello di Chillon, le Miniere di sale di Bex ai piedi delle Alpi vodesi; Glacier 3000, balconata da cui si dominano le Alpi vodesi e palestre di attività sportive in ogni mese dell’anno; il Chaplin’s World by Grevin, museo allestito al Manoir de Ban dove Chaplin visse gli ultimi 25 anni di vita; e la Maison Cailler che invita a ripercorrere l’epopea del cioccolato svizzero.

Il City Pass 2/3 giorni non include il trasporti urbani che sono però compresi dalla Lausanne Transport Card consegnata gratuitamente a chi pernotta in una struttura ricettiva della città. Indipendentemente dalla durata, Il Lausanne City Pass ti dà accesso alle mostre permanenti e temporanee dei musei. https://www.lausanne-tourisme.ch/fr/offre/lausanne-city-pass/

A Losanna si rinnova il “benvenuto” ai più piccoli

E’ un autentico diario di bordo quello che Losanna Turismo riserva ai suoi piccoli ospiti, dai 5 ai 12 anni: un astuccio da portare al collo completo di sei matite colorate, temperino, colla, gomma e tanti suggerimenti per attività ludiche e creative. Il “Carnet de voyage”, alla sua seconda edizione, è un ludico invito a esplorare la città con gli occhi e la fantasia.

Indovinelli, disegni, giochi, collage e molte sorprese portano a scoprire le meraviglie sommerse di Aquatis (il più grande Acquario di acqua dolce d’Europa), di Place de la Palud e del suo storico mercato, del Museo Olimpico, autentico tempio di campioni e primati, del Parco di Sauvebelin e delle sue varie attività o i tesori del MCBA (Museo Cantonale di Belle Arti).

Il Carnet dà poi diritto ad alcune piacevoli sorprese: dal cupcake fatto in casa al gelato sul lungolago di Ouchy, dalla cioccolata a La Chocolatière, al frutto ad una bancarella del mercato. E’ disponibile presso gli uffici del turismo e in numerosi hotel della città. www.lausanne-tourisme.ch

Torna “Vaud à la carte”, a sostegno del turismo locale

Dopo il successo dello scorso anno, torna “Vaud à la carte”, iniziativa messa a punto dall’OTV – Ufficio del Turismo cantonale in collaborazione con partner pubblici e privati, per sostenere le infrastrutture del cantone, incluse alcune realtà losannesi. Fino al 31 ottobre 2021 chi prenota due o più notti negli hotel che aderiscono al progetto, può fruire di una carta prepagata del valore di CHF 100 a camera da utilizzare presso ristoranti, aziende vinicole, musei ed attrazioni turistiche dell’intera regione. Basta registrarsi, prenotare le 2 notti, scaricare la conferma e la Carte verrà inviata direttamente all’hotel prescelto, dove potrà essere ritirata all’arrivo.
Modalità di richiesta della Card sono sul sito www.region-du-leman.ch

Suggestioni urbane dalle terrazze della città di Losanna

Ci sono quelle con vista a 360° sul lago e quelle incastonate tra vicoli e piazze del centro storico, quelle dal fascino antico e quelle più agresti. Un modo originale per conoscere la città è vivere, cogliere i ritmi comodamente seduti in una delle sue numerose terrazze. Luoghi di coccole e tentazioni sempre più apprezzati dopo prolungati lockdown. Si può optare per quella di Montbenon, annessa all’omonima ed apprezzata Brasserie da ci si domina il lago e lo skyline delle Alpi.

Sul lago, atmosfera californiana a Le Lacustre, su Quai Jean Pascal Delamuraz, o sull’altro versante del porto, di fronte al Luna Park, dove la buvette ed il pontile prendisole de Le Jetèe de la Compagnie evocano momenti di puro relax. Da intenditori, il Café Beau Rivage, autentica istituzione, è la brasserie raffinata di Olivier Gerber valutata 14/20 dalla Gault e Millau. Non lontana anche la terrazza panoramica del Tom Café, all’ultimo piano del Museo Olimpico. Frequentatissima, offre una vista unica sul lago di Ginevra e le Alpi.

losanna con i bambini

Nei fine settimana da provare il ricco brunch. Nei pressi della stazione ferroviaria, il Cafè de Grancy, è un allegro bistrot che propone una cucina contemporanea e brunch nel fine settimana. Nel cuore del parco di Mont Repos La follia di Voltaire, è ideale per una spuntino a base di prodotti locali, allietato da uno sciroppo di mele cotogne fatto in casa. Sapori ellenici accompagnati da ouzos al Meraki, aperto pochi mesi fa nei pressi di Place de la Riponne.

Nel cuore antico della città, in Place de la Palud, la sosta obbligata è al Café de l’Hôtel de ville accanto al Municipio, a due passi dall’orologio animato da un corteo di automi che, dalle 9 alle 19, all’angolo di Rue de la Mercerie batte ogni ora ricordando capitoli di storia locale. A due passi, il déhors del Café du Grutli, locale del 1849 in un edificio del XIV secolo. Un ambiente cordiale e senza tempo, regno di fondute e ricette tipiche vodesi. Curato in ogni dettaglio, Le Jardin du Vieux Lausanne è il gioiello dell’ impresa ultratrentennale di Anders Ahlgren, svedese diplomatosi alla Scuola Alberghiera di Losanna, ed ora del figlio Gary. Un angolo nel verde ai piedi dei bastioni della cattedrale, dalle 17 in poi tempio di aperitivi, birre artigianali e finger food che sposano la tradizione nordica a quella elvetica.

Nascosta sotto il Pont Bessières, Les Grandes Roches, è molto frequentata nelle sere d’estate, mentre Les Arches, sotto il Grand-Pont, in Place de l’Europe, e un rito per un aperitivo. Di fronte, nel quartiere del Flon, il Mad Cafè è il volto diurno del Mad, discoteca di fama mondiale. Gli amanti della musica, fra un drink ed un snack, al suo interno possono rivivere la storia della musica degli utlimi decenni attraverso le copertine di vinili e le foto di artisti e disc jockey che vi si sono esibiti.

Per una pausa fra una visita culturale e l’altra, da suggerire L’Auberge de Beaulieu, bar ristorante a due passi dalla Collection de l’Art Brut e dal Palais de Beaulieu, noto per i piatti locali ma anche per sfiziose dissertazioni etniche e per i golosi brunch domenicali. Nel verde che circonda il Museo de la Fondation de l’Hermitage, merita una sosta L’Esquisse, mentre di fronte a Plateforme 10 e al MBCA il Nabi si distingue per i suoi menu creativi ma dai prezzi contenuti. Gli indirizzi delle terrazze della città, sono disponibili su www.lausanne-tourisme.ch/it/guida/le-terrazze-in-lausanne/

Vacanze a Losanna come in Riviera…

E’ un lago ma non si fa fatica a viverlo come una vera riviera. Costellato da baie, piccoli villaggi e porticcioli, sin dall’800 il Lemano, o lago di Ginevra, è stato il primo richiamo turistico della città, e dal 1927 ribalta dei primi stabilimenti balneari. Una nuova area bagnanti di 2000 mq, aperta tutto l’anno, è allestita al Vecchio Porto di Ouchy, fra il Ponton del la Vierge du Lac ed il primo centro noleggio pedalò della Piazza. Delimitata da boe gialle che vietano il transito alle imbarcazioni, è’ dotata di accessi facilitano l’entrata in acqua.

Poco lontano, gli imbarcaderi dei moderni scafi e degli storici battelli Belle Epoque a vapore e a pale della CGN, la Compagnie de Navigation in attività dal 1873. Ogni giorno invitano a salire a bordo per crociere panoramiche che fanno rotta allo Chateau du Chillon scivolando lungo lo splendido scenario del Lavaux, o verso Ginevra. Entro il 2022 la Compagnia disporrà di due nuovi battelli a tecnologia ibrida per la riduzione dell’inquinamento. www.cgn.ch

… o sulla scia dei campioni del pedale

Lungo il lago, tra i declivi delle colline del Lavaux, dal 2007 Patrimonio Unesco, e le prime pendici delle montagne si dipanano molti tracciati ciclabili. La bici, mezzo sempre più diffuso a Losanna, può essere anche caricata sulla M2, fino al capolinea de Les Croisettes. Da qui, in sella, si possono ridiscendere facilmente i 338 metri di dislivello sino a Ouchy. In alternativa, si può raggiungere lo Chalet-à-Gobet, punto di partenza di percorsi di mountain bike di 10 e 20 km.

I più sportivi possono anche pedalare attraverso il Jorat verso Moudon (50 km andata e ritorno) o da Echallens (raggiungibile con il trasporto pubblico) raggiungere il Grosde- Vaud. Complessivamente sono 8 percorsi che vanno da 17 a 103 km di lunghezza, a cui si aggiungono molte strade di campagna asfaltate e ideali per le due ruote. A circa un’ora da Losanna, si può pedalare fino a Leysin o a Les Paccots, o ancora lungo il lago, verso Saint Sulpice o percorrere il sentiero pedonale che costeggia il lago e le terrazze vitate del Lavaux. In città sono numerose le possibilità di noleggio di due ruote (anche elettriche).

Andare per musei a Losanna

Photo credits: Switzerland Tourism – swiss-image.ch / Ivo Scholz; Regis Colombo