MENU DI NAVIGAZIONE

In Emilia con i bambini tra castelli ed animali fantastici

Colorno-Reggia-Castelli-Ducato-Emilia-Romagna-Italia-600

In Emilia con i bambini tra castelli ed animali fantastici? Si perché in provincia di Parma e Piacenza, con Visit Emilia e i Castelli del Ducato, le famiglie possono vivere fantastiche avventure alla scoperta di torrioni, sotterranei, labirinti e dipinti di creature mirabolanti. Questa volta andiamo a fare un safari originale. Portiamo i bambini in Africa a caccia grossa? No davvero.

Sarà un safari più comodo e vicino. Tutta la famiglia parte con i bimbi per i castelli. I castelli sono già nell’aspetto esteriore luoghi fantastici. I bimbi che hanno già letto o sentito  raccontare una favola, rimarranno incantati da queste potenti strutture. Torrioni, ponti levatoi, muraglioni, grate, sono proprio l’ambientazione perfetta per una favola.

Le bambine forse sogneranno di essere la principessa che dall’alto del torrione cala la lunga treccia bionda per far salire l’innamorato. I bambini sogneranno di vedere passare sul ponte levatoio un baldo cavaliere con la sua armatura lucente e il destriero bardato di tutto punto.

Tra  Emilia-Romagna, Lunigiana in Toscana e il cremonese in Lombardia, si sviluppa una rete di rocche, fortezze e manieri raccolti sotto il nome di “Castelli del Ducato. E in questa zona anche i  sentieri proposti da “Visit Emilia” sono ricchi di avventure da sogno, perfette per una escursione in famiglia.

Ma non dimentichiamo il nostro safari!

Infatti la visita nei castelli può essere anche immaginata come un safari alla ricerca degli animali fantastici nascosti sui soffitti, sulle  pareti, tra le pietre. Saranno draghi, grifoni alati, cavalli marini, cani antropomorfi, animali mitici come le sirene e le sfingi.  Tutti da scoprire e interpretare, come in un’ ideale  “caccia al tesoro”. 

Nelle province di Parma e Piacenza si nasconde un mondo da scoprire in visite guidate o anche con laboratori a tema. Ad esempio i bimbi saranno incantati dagli animali fantastici che si vedono negli  affreschi delle Sale di Bellerofonte, di Momo, del Lupo e la Galleria di Esopo nella Rocca dei Rossi di San Secondo.

Si può trascorrere un’intera mattina a cercare di riconoscere, con l’aiuto dei genitori, le incredibili forme colorate  disegnate sui soffitti. Se ci spostiamo nel Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino a Salsomaggiore Terme, ecco che ci accoglie all’ingresso lo stemma di questa nobile famiglia. E anche questo  ci farà scoprire uno strano animale alato a due teste.

Mentre all’interno di questo castello, nel Salotto del Diavolo, ci sono anche grandi affreschi davvero curiosi: due fauni stanno per rubare le pere da un albero che simboleggia la ricchezza del castello.

Oppure si può andare a visitare la Reggia di Colorno, meno possente di un castello, ma ugualmente scenografica, che presenta  la Sala delle Grottesche tutta affrescata con immagini fantastiche.

Un fantastico corteo anima le stanze della Rocca di Sala Baganza. Qui i bambini potranno davvero sbrigliare la fantasia. Cosa guardare prima? Il carro di Nettuno, i draghi sputafuoco, i cani antropomorfi verdi e rosa, i delfini cavalcati da figure femminili? E poi sfingi, mostri zoomorfi e cervi dalle lunghe corna distese.

Dunque rocche e castelli sono proprio una miniera di sorprese. I bambini in vacanza si stupiscono, fanno domande, interpretano  e intanto, con l’aiuto dei genitori, possono imparare tante cose interessanti.

E poi non dimentichiamo che i Castelli del Ducato organizzano tante iniziative per famiglie con bambini.

Ad esempio il  28 maggio, nel Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino si svolge l’evento “I misteri del Castello Millenario”. Si tratta di una visita notturna alla scoperta dei suoi luoghi segreti, nel labirinto del Castello più antico del Parmense. Anche i bambini più piccoli possono partecipare.

Nella penombra della sera verranno raccontati intrighi e misteri che avvolgono il Castello e le leggende dei fantasmi che lo animano in alcune notti dell’anno. Eccezionalmente verrà aperta la torre circolare quattrocentesca con le sue prigioni e verrà mostrata l’antica via di fuga che attraversa il Castello.

Per l’occasione, verranno inoltre aperti la quattrocentesca “scalinata dei cavalli” con il suo giardino segreto e il grande giardino ai piedi della torre, illuminato per la serata. La speciale visita è su prenotazione e a numero chiuso, nel rispetto della sicurezza. Ingresso gratuito per bimbi fino a 5 anni, ridotto per bambini dai 6 ai 16 anni.

Sempre in questo Castello, davvero molto attivo  nell’organizzare iniziative per  famiglie, sia il 9 maggio, sia il 2 giugno, si svolge il “Magico tour per bambini nel Castello Incantato” Sarà un avvincente tour per grandi e piccini guidati dalla nobile Dama del Castello e da un audace cavaliere.

Una terribile carestia si è abbattuta sul feudo di Scipione dei Marchesi Pallavicino, nel millenario Castello immerso nella natura, sulle colline a metà strada tra Parma e Piacenza. Il segreto del Castello, il solo mezzo per combattere la carestia, è stato nascosto da un Mago dispettoso all’interno del maniero.

Ecco che comincia l’avventura!

Guidati dalla nobile Dama del Castello e aiutati da un audace cavaliere, grandi e piccini accompagnati dai genitori, si cimenteranno nell’impresa del recupero del prezioso tesoro. Il percorso sarà ricco di ostacoli.

Bisogna  risolvere  enigmi e superare prove, in un percorso guidato che porterà alla scoperta del meraviglioso castello medioevale, dei suoi giardini fioriti, dei suoi saloni e angoli segreti. Tutti i bambini coraggiosi verranno nominati cavalieri e dame di corte. La visita animata guidata si svolge su prenotazione e a numero chiuso nel rispetto delle direttive ministeriali.

A maggio e giugno, poi, vicino al Castello di Gropparello, in provincia di Piacenza, si svolgerà un tour alle Gole del Vezzeno. In questo caso i bambini con i genitori saranno guidati a  percorrere  gli antichi sentieri di ronda, che dalla rocca fortificata del castello conducono al fondo del dirupo, dove scorre il torrente Vezzeno.

Sono  sentieri molto suggestivi che ci propongono scoperte di  interesse botanico, tra la vegetazione spontanea, che tra l’altro proprio in primavera è davvero rigenerante. E al termine del tour, perché non sostare per pranzo o merenda alla Taverna Medievale del Castello di Gropparello?

Per tutte le iniziative prenotazione obbligatoria: info@castellidelducato.it

Tutte le info su:

www.visitemilia.com

www.castellidelducato.it

di Franca D.Scotti
Immagini: Castelli del Ducato e Visit Emilia

 

Altri consigli di viaggio: