MENU DI NAVIGAZIONE

“I sentieri dei piccoli camminatori” nella zona di Comano-Dolomiti di Brenta: una originale e divertente proposta per bambini in vacanza in Trentino

apt-comano-C0060T01

Che cosa c’è di più divertente che camminare  a lungo all’aria aperta rintracciando i segni di una favola? Davvero un sogno per i bambini in vacanza. Ecco allora l’idea vincente! “I sentieri dei piccoli camminatori” nella zona di Comano-Dolomiti di Brenta: una originale e divertente proposta per bambini in vacanza in Trentino.

Un’escursione nell’Ecomuseo della Judicaria, un territorio vasto che comprende la valle delle Giudicarie Esteriori fino alle alte Dolomiti di Brenta e la zona del Tennese, più vicina al lago di Garda.

Siamo in Trentino, regione adattissima alle vacanze in famiglia con bambini e ragazzi. In particolare è rivolta ai bambini  la proposta “I sentieri dei piccoli camminatori”. Una proposta che unisce il sogno a occhi aperti e il racconto di favole al piacere di un’avventura per sentieri immersi nella natura.

E’ questa l’idea dei sei sentieri dedicati a sei favole creata  dall’Ecomuseo della Judicaria in collaborazione con l’Azienda per il Turismo Terme di Comano-Dolomiti di Brenta.

Partiamo dunque per esplorare questi sentieri per piccoli camminatori, per vivere un’avventura in famiglia. Gli itinerari hanno il doppio valore di invogliare i bambini a camminare nel verde, cosa decisamente salutare, e di incantarli con le storie, sviluppando la fantasia. Ogni Comune dell’Ecomuseo ha chiesto agli alunni delle classi quinte elementari di fare ricerche sulle tradizioni locali.

Quindi  Stefano Bordiglioni, scrittore conosciuto a livello nazionale nell’ambito della Letteratura per Bambini e Ragazzi, ha scritto una favola per ogni itinerario. Poi sono stati preparati i cartelli relativi ad ogni sentiero e ad ogni favola.

Genitori e bambini in vacanza potranno scegliere se seguire:

  • Itinerario in val Lomasona, a cura del Comune di Comano Terme con il racconto: “Il Grillo Parlante della Val Lomasona”,
  • Itinerario del biotopo di Fiavè a cura del Comune di Fiavé con il racconto: “Il pifferaio magico e le palafitte”
  • Itinerario del Borgo di Frapporta a cura del Comune di Tenno con il racconto “Il ritorno di Capitan Piccinino
  • Itinerario di Balbido, Rango a cura del Comune di Bleggio Superiore con il racconto “La bambina e la strega
  • Itinerario dell’area natura di Nembia a cura del Comune di San Lorenzo in Banale Dorsino con il racconto “La casa dei porcellini”,
  • Itinerario del Bosco Arte Stenico a cura del Comune di Stenico con il racconto “L’orso”.

Tutti i racconti sono di Stefano Bordiglioni e i titoli sono davvero invitanti.

Come si svolge l’avventura dei bimbi in vacanza in Trentino?

Nella parte iniziale del sentiero c’è un leggìo per conoscere la fiaba. Sparsi nei sentieri, mentre si cammina piacevolmente nel verde, tra i boschi, i prati e gli antichi borghi del territorio, si scoprono piccoli segnali in legno che indicano  la  direzione. Poi le fiabe di Bordiglioni si animano attraverso opere, oggetti e giochi, realizzati da esperti in installazioni ambientali e Land Art.

Così i bambini in gita, come faceva Pollicino con le briciole, ritrovano con piccoli segnali il passaggio dei protagonisti delle storie… E’ un vero e proprio camminare la natura e le fiabe, attraverso storie scritte appositamente per i bambini, non solo da leggere, ma anche da percorrere a piedi.

E i bambini  in vacanza  imparano tante cose. Per esempio  nel sentiero della storia “Il Grillo Parlante della Val Lomasona”, si scopre  la Torbiera Lomasona, un vero e proprio “lago d’erba” nato da un antico specchio d’acqua libera e interrotto da canaletti e pozze. I bambini imparano che la Torbiera è una riserva naturale  provinciale, cioè un habitat particolare e protetto dove abitano diversi tipi di anfibi e uccelli di canna e di palude.

Non solo. Sarà fantastico scoprire che la prima parte del sentiero, sovrastata da rocce in cui si aprono numerose grotte,  forse è la casa delle streghe di cui parlano le leggende locali. Oppure, come non sognare a occhi aperti nel sentiero  dedicato alla storia “Il pifferaio magico e le palafitte”?

Il sentiero oltrepassa il Doss dei Gustinacci, con resti di abitazioni in pietra del 1300 a.C.. Poi, dopo un breve tratto in mezzo alla vegetazione, costeggia la torbiera, zona  umida  con caratteristiche ambientali particolari. Qui, circa 15.000 anni fa dopo l’ultima glaciazione, si formò il lago Carera.

I bambini in escursione scoprono che in estate, lungo le sponde di questo lago, arrivavano i primi cacciatori mesolitici e, nel tardo Neolitico (prima metà del IV millennio a.C.), altri uomini fondarono il  primo  villaggio su palafitte. Vennero costruiti diversi villaggi, a poco a poco distrutti o abbandonati di cui oggi rimangono i pali in legno che emergono dal piccolo lago. I resti delle palafitte e di altri oggetti si sono conservati grazie alla torba, cioè l’accumulo della vegetazione sul fondo del lago.

comano sentiero

Anche i genitori in vacanza con i bimbi possono essere interessati a sapere che il sito archeologico di Fiavè è uno dei 111 siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino, Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.

I ritrovamenti archeologici e tutte le informazioni sugli scavi e villaggi di Fiavè si trovano nel Museo delle Palafitte. Il  sentiero  prosegue  oltre  il  sito  archeologico  e con una passerella attraversa una zona paludosa dove vivono rane e insetti.

A conclusione della escursione in famiglia, ricordiamo che tutti i racconti di Stefano Bordiglioni sono confluiti in un libro, a cura della Casa Editrice Carthusia di Milano. Illustrato dal notissimo Paolo D’Altan, il libro diventa non solo una raccolta delle fiabe, ma anche e soprattutto una proposta per far conoscere il territorio dell’Ecomuseo. Infatti ogni racconto è corredato da una scheda di approfondimento che riguarda il sentiero e le sue caratteristiche.

Il libro è disponibile presso l’Azienda per il Turismo di Comano. 

Clicca qui e scopri tutto su Comano

di Franca D.Scotti
Immagini: APT di Comano, Alice Russolo / Trentino Marketing