MENU DI NAVIGAZIONE

Musei della scienza per bambini: piccoli scienziati alla riscossa

Sono sempre di più i musei della scienza per i bambini. Se lo Science Center di Napoli è uno degli storici punti di riferimento per le famiglie alla ricerca di un’occasione utile, divertente e formativa per trascorrere una giornata tutti insieme, il Children’s Museum di Verona è tra gli ultimi arrivati ma è già riccamente organizzato e con numerose proposte per i più piccoli. I tanti musei già esistenti e distribuiti un po’ in tutta la penisola – da Roma a Trento, da Genova e Trieste – continuano invece a moltiplicare attività e laboratori per favorire sperimentazione e creatività tra bambini e ragazzi.

L’esperienza proposta dai musei delle scienze è certamente formativa, ma sempre divertente. Perché anche le risposte a domande impegnative possono arrivare in modo semplice e giocoso, stimolante e fantasioso. Non ci resta allora che iniziare un lungo e avventuroso viaggio in Italia alla ricerca dei musei a misura di piccoli scienziati:

  • To a Torino: con il naso all’insù alla scoperta della volta celeste
  • Immaginario Scientifico a Trieste tra bolle di sapone, vortici e tornadi
  • Città dei Bambini a Genova: diventare grandi è un gioco da ragazzi
  • Museo della Scienza e della Tecnica a Milano: c’è anche un vero sottomarino
  • Città della Scienza a Napoli: alla scoperta del passato, del presente e del futuro
  • Explora Museo dei Bambini a Roma: si accettano solo bambini curiosi!
  • Muse a Trento: il futuro è già qui
  • Children’s Museum a Verona: qui si entra senza scarpe

Infini.To a Torino: con il naso all’insù alla scoperta della volta celeste

Non è affatto difficile comprendere il successo di Infini.To a Torino. In un sol colpo riunisce il Planetario e il Museo dell’Astronomia e dello Spazio. Per i bambini significa andare alla scoperta della volta celeste in un modo tutto nuovo: con immagini spettacolari e video installazioni, ma anche con laboratori ed exhibit interattivi.

E per fare capire che non si tratta di una roba per grandi, gli spettacoli con grafica cartoon proiettati all’interno del Planetario digitale mettono le cose in chiaro. Una seconda dimostrazione? Le promozioni e le attività dedicate esclusivamente alle famiglie con bambini.

Immaginario Scientifico a Trieste tra bolle di sapone, vortici e tornadi

C’è una regola non scritta che qui all’Immaginario Scientifico di Trieste vale più di altre: vietato non toccare. Perché qui il viaggio nell’avventura della scienza si compie provando e sperimentando. Bottoni da premere, manovelle da girare, oggetti da toccare e da costruire, permettono di scoprire i fenomeni naturali e le leggi che li governano.

Fra pendoli danzanti, bolle di sapone, vortici e tornadi, esperimenti senz’aria o con il quarto stadio della materia, la sezione interattiva Fenomena è lo spazio dove i bambini si lasciano andare alla curiosità senza limiti.

Città dei Bambini a Genova: diventare grandi è un gioco da ragazzi

Si può giocare e scoprire scienza e tecnologia divertendosi? Sì, si può e la Città dei Bambini a Genova per i bambini e i ragazzi di età compresa dai 2 ai 13 anni è il posto giusto per farlo. Qui c’è infatti spazio per le scienze naturali e la fisica, la comunicazione e l’ambiente. La Città dei Bambini può essere vissuta come un’officina di esperienze in cui il filo conduttore è il gioco.

Nell’area dedicata ai più grandi dai 6 ai 13 anni, ad esempio, i piccoli entrano in contatto con il mondo animale con un nido di formiche rosse e uno stagno con esemplari di testuggini, ma anche con la tecnologia per via della presenza di un vero studio televisivo e con la fisica attraverso illusioni ottiche, bolle di sapone e giochi di luce e specchi.

Museo della Scienza e della Tecnica a Milano: c’è anche un vero sottomarino

Il primo suggerimento per le famiglie con bambini che visitano il Museo della Scienza e della Tecnica a Milano è di non avere fretta. Già, perché sono ben 50.000 i metri quadrati di esposizioni e laboratori interattivi in cui cimentarsi.

Accanto ai tradizionali appuntamenti con l’energia e i trasporti, l’alimentazione e la comunicazione, c’è anche uno spazio per la fisica delle particelle. Troppo complicato? Non proprio perché in questo che è uno dei più grandi musei tecnico-scientifici d’Europa sanno bene come rendere simpatici e istruttivi anche numeri e formule. La visita guidata allo storico Sottomarino Enrico Toti trasforma i bambini in piccoli marinai.

Città della Scienza a Napoli: alla scoperta del passato, del presente e del futuro

La Città della Scienza a Napoli è un punto di riferimento in Italia per conoscere, socializzare e divertirsi ovvero andare alla scoperta del corpo umano con Corporea o delle stelle e dei misteri dell’universo con il Planetario 3D.

Il Science Centre è il primo museo scientifico interattivo italiano, un luogo di visita, educazione scientifica, turismo culturale basato sull’interattività e la sperimentazione diretta dei fenomeni naturali e delle tecnologie. Al suo interno è stata allestita l’area espositiva riservata al mondo degli insetti, aggiornata tutte le settimane con nuovi esemplari e con approfondimenti, laboratori e curiosità per bambini e ragazzi.

Explora Museo dei Bambini a Roma: si accettano solo bambini curiosi!

Quella che attende i più piccoli all’Explora Museo dei Bambini a Roma è una esperienza completa. Tra ambiente e alimentazione, ingegneria e sviluppo sostenibile c’è spazio per ogni applicazione delle scienze. Ma sempre nel segno del divertimento e della sperimentazione di gruppo.

Qualche simpatica idea? Il camion dei pompieri in cui i bambini calzano gli stivali e si mettono al volante di un vero mezzo dei vigili del fuoco. Oppure la grande vasca dove fare esperimenti, giocare con l’acqua, creare un vortice, azionare pompe e leve. E poi il supermercato, l’orto e l’Officina in Cucina dove imparare a preparare la ricetta perfetta.

Muse a Trento: il futuro è già qui

Ci sono tanti modi per raccontare la scienza e quello del Muse a Trento è tra i più originali. Exhibit multimediali, giochi interattivi e attività di sperimentazione consentono ai bambini di proiettarsi nel futuro. Il percorso espositivo del Muso delle scienze usa la metafora della montagna per raccontare la vita sulla Terra.

Si inizia dalla cima: terrazza e piano 4 permettono a bambini e ragazzi di incontrare sole e ghiaccio, per poi scendere ad approfondire le tematiche delle biodiversità, della sostenibilità, dell’evoluzione, fino al piano interrato e alla meraviglia della serra tropicale.

Children’s Museum a Verona: qui si entra senza scarpe

La prima regola per i bambini al Children’s Museum a Verona è entrare senza scarpe. Ma in realtà è l’unica perché poi non devono fare altro che abbandonarsi ai colori e ai profumi, alla musica e ai suoni di questa nuova struttura.

Il ThinkLab è il laboratorio interattivo dove regna la manualità: attività di falegnameria, meccanica, scrittura creativa, robotica, coding e molto altro ancora. Sempre proposti con un taglio per i piccoli scienziati. L’esperienza in più è l’area dove divertirsi a creare la propria costruzione con enormi blocchi di spugna, gli stessi del Moma di New York.

Crediti fotografici: Infini.to-Planetario di Torino, Immaginario Scientifico di Trieste (ph Massimo Goina), Porto Antico di Genova S.p.A., Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, Città della Scienza di Napoli, Explora Museo dei Bambini di Roma, Muse di Trento, Children’s Museum di Verona

Altri consigli di viaggio: