MENU DI NAVIGAZIONE

Week end a Rovereto con i bambini tra arte, natura e buona cucina

A rovereto con i bambini tra arte, cultura e natura

Rovereto è una città perfetta per un week end in famiglia: facile da raggiungere, piacevole da girare e con un’offerta gastronomica di primissimo piano. Vediamo quali sono le cose da non perdere. Intanto i Musei che qui, grazie al programma “Al Museo ci vado anch’io”, sono davvero a misura di bambino.

Imperdibile il MART, il famoso centralissimo museo di arte (http://www.mart.trento.it/) che espone principalmente opere d’arte moderna e contemporanea. L’edificio è stato progettato dall’ architetto ticinese Mario Botta e dall’ingegnere roveretano Giulio Andreolli. Botta ed Andreolli si sono ispirati a modelli classici per le forme (in particolare per la grande cupola centrale si sono ispirati al Pantheon di Roma, e hanno dedicato una particolare attenzione alle soluzioni tecniche: la cupola radiale è in acciaio e plexiglas e presenta uno “spicchio” mancante, reso possibile da complesse soluzioni ingegneristiche.

La collezione permanente del Mart è decisamente di grande valore, presenti molte opere di Giorgio de Chirico, Carlo Carrà, Mario Sironi e del futurista roveretano Fortunato Depero.

La cosa interessante è che il Museo ha una zona dedicata ai bambini e, ancora più interessante, organizza laboratori specificatamente pensati per i piccoli. I laboratori Little Mart si svolgono al Museo ogni domenica dalle 15 alle 16.30 ed ogni prima domenica del mese alle 11 in Galleria Civica a Trento.
I laboratori Little Mart sono occasioni di svago e apprendimento per sperimentare in modo giocoso i linguaggi dell’arte. Il tema degli incontri? Le mostre e le collezioni del museo o, più in generale, i soggetti e le tecniche dell’arte contemporanea. Vere e proprie palestre della creatività in cui i piccoli possono avvicinarsi all’arte divertendosi.
Tariffa di partecipazione € 5 a bambino. Gratuito per gli adulti accompagnatori.

Prenotazioni:  dal lunedì al venerdì mattina in Area educazione (0464 454135-108);  dal venerdì pomeriggio alla domenica presso le biglietterie del museo  (Mart Rovereto: 0464 438887, Galleria Civica Trento: 0461 985511). Per vivere un’esperienza più lunga e immersiva al museo, invece, c’è Holiday on Mart: la colonia diurna per bambini e ragazzi dai 5 ai 12 anni attiva dal 24 al 28 agosto e dal 31 agosto al 4 settembre, con orari flessibili, pranzi e merende compresi e sconti per chi iscrive più bambini della stessa famiglia. A questa collaudata proposta di “vacanza al museo” si aggiunge, dall’11 al 18 luglio, la colonia residenziale Arte nel verde: un nuovissimo summer camp per ragazzi dagli 8 ai 12 anni organizzato in collaborazione con l’Hotel Grizzly, sull’Altopiano di Folgaria, con un programma che unisce creatività e natura.

Molto adatto alle famiglie anche il Museo di Scienze e Archeologia, si trova anch’esso in centro, in Borgo Santa Caterina, 41 e qui, oltre ad una bellissima esposizione di animali imbalsamati, è possibile vedere “Ci vuole un fiore”  una mostra temporanea visitabile fino al 23 agosto 2020, che racconta il paesaggio vegetale del Trentino, una delle sue più grandi e spettacolari ricchezze, in un tour virtuale del tutto unico.

Dalla città alle vette dolomitiche, per scoprirne i principali ecosistemi vegetali e porre l’attenzione sulla salvaguardia delle specie rare e protette. La mostra focalizza l’attenzione su tematiche quali la perdita di biodiversità, gli ambienti fragili, minacciati, da difendere o il cambiamento climatico e le modifiche del paesaggio, le estinzioni e le immigrazioni vegetali, causate da quest’ultimo o semplicemente dovute all’urbanizzazione o ai cambiamenti di utilizzo del suolo, sempre meno dedicato alle colture tradizionali.

Nella mostra viene dato grande spazio ai contenuti digitali e interattivi che accompagnano il visitatore in un vero e proprio tour virtuale del territorio, attraverso strumenti touch screen e visori di realtà virtuale, gli Oculus go. Per arricchire l’esperienza del pubblico vengono proposte visite guidate ogni domenica, e, il secondo e il quarto sabato del mese, laboratori per bambini e ragazzi, percorsi e giochi educativi per tutta la famiglia.

Nel Planetario del Museo si potrà poi esplorare il cielo e scoprirne le meraviglie. In uno spazio dedicato ci si potrà avvicinare alle nuove tecnologie. “Robotici in erba”, per esempio, è un laboratorio per bambini dai 6 agli 8 anni che permette di avvicinarsi al mondo della programmazione a piccoli passi. “Non solo robotica” è invece l’attività per i ragazzi dai 9 ai 15 anni che già conoscono il mondo della robotica e che vogliono affrontare temi diversi come Arduino, la stampa 3D o la manifestazione scientifica FIRST® LEGO® League.

Decisamente interessante è poi una visita alla Campana dei Caduti, celebre campana della pace in memoria dei caduti di tutte le guerre. Fusa con il bronzo dei cannoni delle nazioni di tutti i paesi partecipanti alla Prima Guerra Mondiale, venne battezzata nel 1925 con il nome di “Maria Dolens”. Fu collocata sul colle di Miravalle  il 4 novembre 1965. Ogni sera al tramonto i suoi 100 rintocchi sono  un monito di pace universale, sicuramente  un messaggio importante da passare anche ai più giovani, inoltre da lassù si gode di un panorama unico su tutta la valle dell’Adige.

Molto consigliata è anche una visita al vicino Castello di Avio una gita qui è un viaggio indietro nel tempo alla scoperta degli usi e dei costumi medievali. Anche qui speciali programmi per famiglie: speciali visite guidate a tema e una sorprendente caccia al tesoro che porta i bambini a diventare i veri protagonisti della visita. Da marzo a novembre il Castello di Avio, Bene del FAI-Fondo Ambiente Italiano, accoglie i propri visitatori con un ricco programma di eventi ed attività dedicate ai più piccoli. Oltre venti giornate evento (tra le 50 a calendario) dedicate alle famiglie, dai pic-nic nei giardini del maniero dei ponti di primavera, alle animazioni del mercatino di Natale, passando per le rievocazioni medievali e l’immancabile Visita da brivido di Halloween.

Novità 2020 l’evento florovivaistico che a maggio porterà al Castello un mercatino di fiori e piante officinali con didattica dedicata a famiglie e bambini che potranno portare a casa un piccolo orto domestico.
Info e prenotazioni allo 0464 684453 o scrivendo a faiavio@fondoambiente.it

Rovereto è ricca di locali e di ristoranti dove gustare le specialità del luogo. Per una cena tipica segnaliamo in particolare Ristorante il Doge proprio nel centro storico di Rovereto, qui potrete assaggiare le specialità tipiche, noi abbiamo scelto degli ottimi canederli ed abbiamo assaggiato una indimenticabile polenta con il formaggio. Ottima anche la cucina dell’ Osteria del Pettirosso qui abbiamo mangiato una hamburger da primo premio il proprietario ci ha spiegato che sceglie una carne particolare ed infatti era eccellente, ottimi i vini ed i dolci. Per una cena rilassante consigliamo il Ristorante Zurigo, uno dei pochissimi ristoranti ad avere una grande area giochi interna al locale, un vero parco giochi! Qui i bambini potranno divertirsi senza problemi e i genitori degustare in tranquillità del buon cibo accompagnato da ottimi vini.

Per dormire il nostro suggerimento è il Relais Mozart un B&B di charme, condotto con abilità  passione dai proprietari. Davvero un luogo molto confortevole con vista panoramica e appartamenti di livello superiore alcuni con angolo cottura. Un indirizzo sicuro per vacanze piacevoli e senza pensieri.

Di Chiara Rosati
Immagini: Stefano Monteleone (Bimbo in Viaggio), Jacopo Salvi, Carlo Baroni, Claudio Angelini, Bianca Lampariello, Lorenzo Viesi (via APT Rovereto e Vallagarina)

Altri consigli di viaggio: