MENU DI NAVIGAZIONE

Foliage in Italia, i più bei parchi avventura dove divertirsi con i bambini e ammirare l’autunno

Quando si tratta di sfoggiare i colori dell’autunno, l’Italia è naturalmente in prima fila. E spesso e volentieri non occorre allontanarsi troppo da casa per rimanere a bocca aperta davanti allo spettacolo della tavolozza della natura, perfetta per le famiglie in cerca di una gita autunnale di un giorno o per la fuga di un fine settimana. Certo, i bambini potrebbero non emozionarsi allo stesso modo di mamma e papà dinanzi alla meraviglia delle foglie degli alberi che cambiano colore. Tuttavia partecipare allo spettacolo del foliage autunnale significa per i più piccoli mettersi in marcia verso belle destinazioni con soste divertenti per fare escursioni, mangiare e giocare lungo la strada. E soprattutto trascorrere un pomeriggio in uno dei parchi avventura che, proprio in queste settimane, esibiscono l’abito più bello. Prima di iniziare, una curiosità: in quanti sanno che l’origine del termine foliage, contrariamente a quanto si possa pensare, non è francese? Per indicare lo stesso periodo dell’anno, in francese si usa il termine feuillage ovvero la francesizzazione della parola inglese foliage.

In Valtellina tra ponti tibetani e il salto di Tarzan

Succede per esempio in Valtellina, in un piccolo villaggio popolato da 300 persone, bambini compresi. Qui ad Albaredo per San Marco, nel Parco delle Orobie Valtellinesi, è stato creato il Fly Emotion Aerobosco: è composto da 4 percorsi con una moltitudine di giochi. Tre sono pensati per ragazzi e adulti (Geko, Gufo e Falco) e uno per i più piccoli (Marmotta). Faggi, pioppi e castagni sono alcuni degli alberi in cui divertirsi tra piattaforme sospese, liane, ponti tibetani e perfino il famoso salto di Tarzan. Per i più coraggiosi c’è Fly Emotion, l’esperienza di volo agganciati a una fune. In comune, oltre alla libertà di volare in tutta sicurezza, c’è l’occasione di lasciarsi incantare dai colori dell’autunno.

In Trentino 90 attività per bambini e genitori

Non possono naturalmente mancare le montagne del Trentino e a offrire una nuova tela di colori in cui immergersi prima con lo sguardo e poi con tutto il corpo è il Sores Park nella Val di Non. Capacità motorie, equilibrio, coraggio e logica dei bambini sono messi alla prova, sempre sotto la supervisione attenta di guide esperte con attività creative e fantasiose tra abeti e larici. Colpisce subito per i funghi giganti tra gli alberi, il Parco è organizzato in percorsi: 9 in altezza, di cui 3 facili e 6 per i più temerari, 2 campi pratica e 3 percorsi Sores Kids filoguidati ad altezza inferiore al metro per i piccoli dai 2 anni in su. Calcolatrice alla mano, sono 90 le attività per i bambini e i genitori. Nel parco si trova anche un bel laghetto con un ponte e da alcune cascatelle.

In Piemonte sulla Casa sospesa o sul Castello su&giù?

Ponti tibetani e carrucole al Parco avventura Veglio in Piemonte, a poco più di un’ora da Torino e Milano. Per i bambini l’opportunità è duplice: una vera Casa sospesa con un percorso in rete per raggiungerla e il Castello su&giù ovvero il grande gioco per i più piccoli da scoprire, da fare e rifare. Insomma, mentre i genitori possono crogiolarsi tra le brillanti foglie rosse e arancioni delle montagne dipinte in autunno, i bambini possono lanciarsi in una nuova avventura. E sempre in Piemonte, l’Oasi Zegna è il parco naturale nelle Alpi Biellesi dove famiglie, bambini e sportivi possono praticare attività nella natura. L’elenco delle opportunità è molto lungo perché a Bielmonte ci sono un’area bimbi e un percorso avventura tra gli alberi, ma anche percorsi esperienziali nel Bosco del Sorriso tra betulle, abeti, faggi e larici. A Trivero Valdilana sono proposti weekend di escursioni guidate tra i boschi secolari della Brughiera con le loro calde tonalità del giallo, arancio e marrone.

In Lunigiana sulla teleferica più lunga d’Italia

Per quanto sono belli in estate in tutta la loro vegetazione lussureggiante, gli alberi sono spettacolari quando splendono nei colori autunnali. E quale modo migliore per apprezzare il fogliame che nel nella foresta mentre si cammina, si fa una sosta, ci si arrampica o si zompetta da un albero all’altro? È un’avventura autunnale perfetta per bambini, ragazzi, genitori e famiglie. Ed è quanto succede nel Parco Avventura Val di Vara, nella parte ligure della Lunigiana. Basti vedere quei piccoli villaggi abbarbicati su cime boscose per farsi un’idea dell’atmosfera fiabesca, capace di regalare emozioni aggiuntive con i percorsi sugli alberi collegati tra loro con ponti tibetani, nepalesi, liane teleferiche. A proposito, qui si trova la teleferica più lunga d’Italia, perfetta per ammirare il foliage in tutta la sua esplosione di colori.

Giochi e arrampicate sugli alberi a due passi da Firenze

Dalla Lunigiana ligure alla Toscana fiorentina il passo è breve e la località da segnare sulla mappa con il circoletto rosso si trova sulle basse colline della Valle del Mugnone, poco distante da Firenze. Qui c’è quello che una volta veniva chiamato il giardino delle meraviglie sia perché conserva il passato glorioso della famiglia dei Medici e sia per la presenza di alberi secolari come querce, cedri e ippocastani. Adesso si chiama Parco di Pratolino – o Villa Demidoff – e proprio di fronte si trova Il Parco avventura Il Gigante. Qui i bambini sono chiamati a raccolta per volteggiare tra le chiome degli alberi, in equilibrio su un tronco, scivolando appesi a una carrucola. I più piccoli si appassionano al Tarzaning ovvero gioco e arrampicate sugli alberi in totale sicurezza. Già, perché grazie a speciali imbracature dotate di due punti di aggancio ai cavi di sicurezza non c’è rischio di caduta.

Le feste sugli alberi sono in Puglia

Dalla natura del nord a quella del sud dell’Italia non c’è poi così tanta differenza perché la riserva Foresta Umbra all’interno del Parco nazionale del Gargano è un altro posto per ammirare il fascino di questa mezza stagione. Aceri, querce e faggi secolari sono i punti fermi di questa natura incontaminata, a cui si aggiungono uliveti e agrumarie, specialità della zona. E anche un Parco avventura in cui trascorrere ore e ore di emozioni e divertimento in un ambiente da favola. Si trova all’interno del Bosco Quarto dell’Azienda Bioagricola Agrituristica Falcare e il Parco Avventura Falcare ha un motivo in più per essere ricordato: la possibilità di organizzare feste per bambini con tanto di torta finale. Basta solo invitare gli amici a trascorrere alcune ore all’aria aperta con la convinzione che nessuno rifiuterà perché festeggiare sugli alberi è sicuramente un modo nuovo e originale.

In Calabria la natura si esplora sulle Fat Bike

Non ci allontaniamo molto perché le foreste di faggi del Parco nazionale della Sila, in Calabria, sono facilmente raggiungibile. Si dice che qui, nella faggeta che ospita Orme nel Parco, nel comune di Zagarise, si respiri l’aria più pura d’Europa. Di certo l’arcobaleno autunnale che sparge sui sentieri i suoi colori più romantici lascia per più di un attimo senza parole così come la perfetta organizzazione. Oltre al Parco avventura, rigorosamente eco-compatibile, l’esperienza in famiglia si completa con le Fat Bike/E-bike per esplorare la natura a bordo di questo innovativo mezzo ecologico e con la partecipazione alle uscite di Dog Walking, in compagnia del proprio amico a quattro zampe.

di Fabio Lepre

Credit Photo: Parchi citati nel testo

Altri consigli di viaggio: