MENU DI NAVIGAZIONE
La casa di Barbie a grandezza umana

Dormire nella casa di Barbie, adesso è possibile: è a grandezza umana

Dormire nella camera di Barbie è il sogno di molte ragazzine. È possibile realizzarlo a Buenos Aires dove Hilton e Mattel hanno ricostruito la stanza della bambola più famosa del mondo in ogni minimo particolare. Creata nel 2004 come esperimento, da quest’anno la suite numero 136, primo piano, dell’Hotel Hilton è a disposizione delle piccole clienti, anche se segna già il tutto esaurito fino all’inizio del 2015. All’interno, il rosa la fa da padrone e un televisore da 32 pollici trasmette solo film di Barbie. Davanti a un grande specchio c’è la passerella per sfilate improvvisate, nel grande bagno ci sono creme, profumi e saponette a tema, il letto è grande e, ovviamente, rosa shocking. Dalla stanza si accede all’area riservata ai genitori della piccola fortunata che, per renderla felice, dovranno spendere circa 179 dollari. Nemmeno poi tanto per un sogno.

Come ha ricordato Andres Korngold, direttore generale dell’Hilton Mexico City Santa Fe: «Barbie ama viaggiare, ama la natura e si prende cura dell’ambiente, senza rinunciare al comfort degli alloggi più sofisticati. Tutti i viaggiatori ora possono provare la sua stessa esperienza». Un glamping da sogno per 170 euro a notte.

Barbie ha 60 anni e non li dimostra

Città di Willow, nel Wisconsin, negli Stati Uniti, siamo nel 1958. Ruth Handler osserva sua figlia giocare e si accorge che alla piccola Barbara piace dare alle sue bambole ruoli da adulte. All’epoca la maggior parte delle bambole rappresentava neonati. Nasce così la prima Barbie che esordì nel New York Toy Fair il 9 marzo 1959, vestita con un costume da bagno zebrato, la pelle chiara e i capelli neri legati in una lunga coda. Nel primo anno furono venduti 350.000 esemplari. In seguito però sarebbe apparsa quasi sempre bionda.

Negli ultimi 60 anni, Barbie ha ispirato le potenzialità illimitate in ogni bambina e recentemente modificato i suoi connotati diventando più simile alla varietà umana. Attraverso oltre 200 carriere – di recente anche astronauta con il volto di Samantha Cristoforetti – le trasformazioni e i differenti look, Barbie ci racconta la storia della moda e della società delle ultime sei decadi.

Photo Credit: Hilton Hotel

Altri consigli di viaggio: