MENU DI NAVIGAZIONE
Vacanze con i bambini in houseboat: capitano, mio capitano

Vacanze con i bambini in houseboat: capitano, mio capitano

In fin dei conti l’Italia è un Paese di santi, poeti e navigatori. E allora, come tenere a bada quell’innata voglia di indossare gli abiti di capitano, mettersi alla guida di una imbarcazione e portare la propria famiglia a spasso tra i più bei laghi e fiumi, canali e lagune del mondo? Si chiamano vacanze con i bambini in houseboat perché al seguito c’è una vera e propria casa galleggiante con tanto di cucina attrezzata, camere e bagno, che scivola placidamente sulla superficie dei corsi d’acqua e permette di fare un bagno rilassante, osservare le stelle, ammirare il tramonto, dedicarsi al birdwatching e scovare la fauna selvatica da un punto di osservazione privilegiato.

E il bello è che non serve la patente nautica: la navigazione è tranquilla, si viaggia a una velocità media di 6 chilometri orari e nuove opportunità per tutta la famiglia, bambini compresi, si presentano tutti i giorni. Inclusa quella di fermarsi nei mercati delle città, farsi ingolosire dai prodotti regionali, cucinare a bordo e cenare tutti insieme in coperta.

Il mondo delle houseboat è fatto di contatto diretto con gli elementi naturali, di ritmi lenti e di silenzi emozionanti e la moltiplicazione delle realtà specializzate nelle vacanze con i bambini in houseboat di più giorni nelle case galleggianti è la dimostrazione più cristallina di come la tendenza sia sempre più diffusa, anche tra le famiglie italiane. C’è One Off Places, ad esempio, che nel suo carnet delle proposte inserisce anche le houseboat stanziali ovvero il noleggio di una casa fissa sull’acqua così da cogliere tutto il bello di una vacanza nella natura e con lo stress azzerato.

Tra il Suffolk e le Bahamas su una casa galleggiante

I must? Siamo nel Suffolk, nell’Inghilterra orientale, e qui, ormeggiata sulla riva sud del fiume Orwell – dove Arthur Ransome ha ambientato la sua serie “Swallows and Amazons” – Onderneming attende impaziente le famiglie fino a 6 persone.  La barca, costruita nel 1899 e accuratamente ristrutturata, conserva ancora molte delle sue caratteristiche originali, oblò inclusi. Ad accogliere mamma e papà c’è il fascino dell’antico,  ad attendere i bambini un viaggio nel tempo da toccare con mano.

E poi, chi l’ha detto che una vacanza alle Bahamas non si possa trascorrere anche su una casa galleggiante? La Sunset Point Houseboat, 6 posti letto in 3 camere, si trova in una parte remota di un torrente che scorre pacifico nel cuore dell’isola di Andros. L’acqua circonda la casa e si muove proprio sotto ai suoi piedi, creando lo spettacolo di una vista panoramica sempre in movimento. Questo è il rifugio perfetto per chi cerca relax allo stato puro, da raccontare ad amici e parenti appena tornati a casa. Quella sulla terraferma.

Alsazia-Lorena e le altre: chiuse, ponti e acquedotti

Sono 39 le idee di vacanze con i bambini in houseboat dei francesi di Les Canalous. Scegliere una crociera fluviale in famiglia significa sperimentare una nuova proposta di vita. Per pochi giorni, certo, ma sufficienti per scalare marcia e cambiare ritmo, attraversare chiuse, ponti e acquedotti, ammirare i panorami dall’imbarcazione, conoscere le antiche città che si incontrano lungo il percorso, degustare vini di grande fama (per mamma e papà, ci raccomandiamo!) e assistere ai tanti festival estivi. Sul sito di Les Canalous sono presenti diversi itinerari, dalla Borgogna all’Alta Garonna, dalle Ardenne alla Bretagna, dall’Aquitania alla Camargue, fino ad arrivare alla storica regione del nord della Piccardia e perfino fuori confine, come Germania, Belgio, Paesi Bassi, Svezia, Portogallo e Italia.

Un’idea? La navigazione che attraversa l’Alsazia e la Lorena. A sorprendere è la varietà dell’itinerario, in tutti i sensi perché oltre all’attraversamento di foreste e stagni e alla vista di castelli e mulini, ci sono tante chiuse da superare e perfino un inaspettato ascensore ad Arzevillier. E poi c’è Strasburgo con le sue valli verdi, i paesaggi di luppolo e i siti archeologici. Capitale europea e alsaziana, è la settima città più grande della Francia. Questa giovane città esibisce ricchezze inestimabili per gli amanti dei monumenti, del buon cibo e della cultura. Da godere sull’acqua, come i viaggiatori di un tempo.

L’estate, in Camargue, si va per canali: con le crociere fluviali di Le Boat

Diversi itinerari dedicati alla Camargue da fare in famiglia e con i bambini per rilassarsi per avventura: in crociera fluviale a bordo delle imbarcazioni Le Boat, si può vivere la vacanza perfetta per le proprie esigenze, con prezzi che variano in funzione della grandezza e della tipologia di houseboat, in completa libertà e da un punto di vista davvero speciale. Il turismo fluviale in Camargue è molto diffuso, poiché si tratta di una delle destinazioni di crociera più semplici per la navigazione fluviale, con pochissime chiuse. Il paesaggio accoglie con la sua bellezza riposante e al tempo stesso primitiva il placido arrivo delle case galleggianti.

Una volta scesi a terra, la regione del sud della Francia offre numerose possibilità di svago: antiche e pittoresche città ricche di storia, ma anche bellissime spiagge che si estendono per chilometri, lagune, canneti, praterie lussureggianti, fenicotteri rosa e i suoi famosi cavalli bianchi che corrono liberi.

A disposizione dei clienti ci sono barche di varia tipologia, dalle più semplici fino alla classe premium, diverse per stile e livello di comfort, ottima sistemazione alternativa a un hotel, con il vantaggio di spostarsi in autonomia e sicurezza sull’acqua. Tutte le barche dispongono di una cucina completamente attrezzata, arredamento confortevole, bagni, docce e riscaldamento. Non manca l’aria condizionata, a seconda del modello. Non è necessaria la patente nautica o una precedente esperienza; alla partenza, gli istruttori Le Boat impartiscono ai clienti le lezioni fondamentali per pilotare e condurre la houseboat.

Capitano, mio capitano: la vacanza (economica) sulle case di lusso

Secondo l’immaginario comune, una vacanza su uno yacht evoca immagini di miliardari e celebrità, di ricchi e famosi, di calciatori che tanto piacciono ai bambini e di stelle del cinema. Ma non è sempre così: la dimostrazione arriva da Yachtico che propone vacanze di una settimana anche a meno di duemila euro in imbarcazioni di lusso con camere multiple e ben equipaggiate con tutti i comfort del caso. Se vogliono abbandonarsi al piacere del dolce far niente, le famiglie possono perfino noleggiare un capitano per la conduzione del mezzo. L’elenco delle opportunità è piuttosto lungo: Yachtico mette in mostra un inventario di 5.000 yacht per centinaia di destinazioni in tutto il mondo, tra cui l’Australia e le Isole Vergini. E poi la Croazia, l’Italia, la Spagna, la Grecia e Thailandia, oltre a Miami, Fort Lauderdale e Key West negli Stati Uniti.

Yachtico Yacht Charter Bay

Sailing boat at anchor Paradise wild bay Cala Marmolis

Complessivamente sono 16.000 le imbarcazioni tra cui scegliere, dal catamarano a vela per vacanze in famiglia agli yacht a motore o a vela, fino ad arrivare alle houseboat per una vacanza più lunga lungo i corsi d’acqua, sui laghi o alla scoperta di quelle speciali calette dove fare snorkeling e nuotare in libertà. Con la possibilità di ospitare fino a sei persone, la Penichette 1120 è ad esempio l’imbarcazione che conduce dritti dritti in Irlanda. Con destinazione Athlone, sulle sponde del fiume Shannon e a 130 km da Dublino, la houseboat è la dimensione naturale per una famiglia numerosa e desiderosa di una crociera in autonomia nel punto più centrale dell’isola irlandese.

Qualche consiglio? Più grande non è sempre meglio. Se si è alle prime armi, meglio scegliere una imbarcazione più piccola ovvero di una lunghezza non superiore a nove metri. Barche di queste dimensioni sono più facili da controllare e più sicure per i bambini e i familiari a bordo. E mai esagerare e avere fretta: anche se la tabella di navigazione non è rispettata alla perfezione, per solcare le acque c’è sempre il giorno successivo. Perché poi si tratta di una rilassante vacanza, mica di una gara.

Il Canada in houseboat

Scoprire il Canada in modalità slow, a bordo di una casa galleggiante Le Boat (www.leboat.it), è un modo originale per conoscere questa terra, tra straordinarie bellezze naturali e un ricco patrimonio culturale. Il Canale Rideau – il più antico ancora operativo nel Nord America e una delle più grandi opere di ingegneria del XIX secolo, oggi patrimonio mondiale dell’UNESCO – è pronto a svelare lungo il suo percorso una serie di tesori che plasmeranno una vacanza da ricordare per sempre.

Non sono necessarie esperienza né la patente nautica per una crociera fluviale con Le Boat: confortevoli, luminose e facili da manovrare, le houseboat consentono di osservare i luoghi da un punto di vista insolito e di fermarsi dove ci si sente ispirati, con calma, riprendendosi il proprio tempo. Una formula di vacanza in totale liberà e a diretto contatto con il territorio, perfetta per famiglie, gruppi di amici e coppie, con il grande vantaggio di sentirsi sempre a casa propria senza dover cambiare hotel ogni giorno.

Leader europeo nel turismo fluviale da oltre 40 anni e specialista del noleggio di houseboat, Le Boat allarga quest’anno la propria offerta al Canada, dove suggerisce diversi itinerari fluviali tra i quali: Crociera del Sud del Rideau, Crociera del Nord del Rideau, Crociera Seeleys, Crociera del Paradiso della Pesca, Crociera degli Amanti della Natura, Le mini crociere sul Canale Tay, Sapore del Canada, Victoriana.

Altri consigli di viaggio: