Parco Naturale Paneveggio Tonadico

Link al sito del parco
vedi mappa |
Via Castelpietra 2 | 38054, Tonadico | Italia

Il Parco Naturale Paneveggio, situato nella Provincia Autonoma di Trento, si estende su una superficie di 197 kmq suddivisa in tre unità geografico-paesaggistiche contenenti riserve tutelate: a nord, la grande Foresta demaniale di Paneveggio di abete rosso; a sud-est, il complesso dolomitico delle Pale di San Martino; a ovest, la catena dei porfidi del Lagorai.

Sono quindi rappresentati vari ambienti naturali come le pareti rocciose, i ghiacciai ad alta quota, le praterie, i pascoli alpini, i boschi misti a latifoglie, le torbiere, i macereti, i torrenti e i piccoli laghi. La fauna e la flora, insieme alla maestosità del paesaggio, fanno del parco la dimensione ideale per un’escursione, libera o guidata, insieme ai vostri figli.

Tra gli altri, i punti di interesse più visitati sono:

-lago Welsperg, un bacino artificiale scavato nel 1932 dal conte Amadeo Thun Hohenstein Welsperg come vasca per allevare pesci. Privo di acqua durante il semestre invernale, è l’habitat dei gamberi dalle zampe bianche e presenta distese di prati che si trasformano in torbiere (torbiera di Villa Welsperg e torbiera Palù Grant);

-laghetti di Colbriccon, due piccoli laghi di origine glaciale dove già 8.000 anni fa l’uomo del Mesolitico praticava la caccia, passaggio testimoniato da manufatti ritrovati in seguito a scavi archeologici;

-lago di Calaita, che riflette le candide pareti del Cimon de la Pala e da cui partono sentieri per salire sulle cime attigue o per raggiungere San Martino di Castrozza;

-malga Miesnotta, raggiungibile dall’abitato di Caoria attraverso un sentiero. Nell’edificio rurale, completamente ristrutturato, trovate un punto di ristoro e tanto spazio dove fare giocare i bambini in libertà;

-litoteca, una vasta collezione di rocce;
-xiloteca, una raccolta di legni di albero;
-fruticoteca, una collezione di arbusti.

Se avete ragazzi che amano camminare, il ghiacciaio di Fradusta (2.939 m) schiude un panorama unico. Nonostante l’altitudine, il ghiacciaio è facilmente raggiungibile con una deviazione dal sentiero principale.

Come arrivare al Parco Naturale Paneveggio:
In auto

Dall’autostrada A22 del Brennero uscire al casello Trento Centro e prendere la S.S. 47 della Valsugana in direzione Bassano-Padova) fino a Cismon del Grappa, poi la S.S. 50bis in direzione Feltre-Belluno fino ad Arten oppure la S.S. 50 per Fiera di Primiero fino ad Arten.

Dall’autostrada A22 del Brennero uscire al casello Egna-Ora e prendere la S.S. 48 in direzione Val di Fiemme-Val di Fassa fino a Predazzo oppure la S.S. 50 per Passo Rolle-San Martino di Castrozza-Primiero fino a Predazzo.

Dall’autostrada A13 Bologna-Padova uscire al casello Padova Sud oppure Padova Ovest e prendere la S.S. 47 della Valsugana in direzione Bassano-Trento fino a Cismon del Grappa, poi la S.S. 50bis in direzione Feltre-Belluno fino ad Arten, la S.S. 50 per Fiera di Primiero quindi la S.S. 347 che sale a Passo Cereda (dopo circa 3 km si trova la deviazione per la Val Canali e Villa Welsperg).

Dall’autostrada A4 Torino-Trieste fino a Vicenza deviare sull’autostrada A31 Vicenza-Valdastico e uscire al casello Dueville, prendere la S.S. 47 della Valsugana in direzione Bassano-Trento fino a Cismon del Grappa, poi la S.S. 50bis in direzione Feltre-Belluno fino ad Arten o la S.S. 50 per Primiero fino ad Arten.

Foto e Video