Barbados, il paradiso non può attendere!

LInk al sito web
vedi mappa |
Bridgetown | Barbados

Barbados, il paradiso non può attendere!

Ci sono dei momenti nella vita in cui si vorrebbe cambiare tutto. Gli impegni, il lavoro, i figli…, si vorrebbe fermare tutto e scendere. Sbarcare in un luogo meraviglioso, caldo, ricco di colori, di profumi, di sapori. Ebbene è possibile, è quello che è successo a noi e ve lo raccontiamo nel dettaglio, fornendovi dritte e consigli così potrete andarci anche voi!

Stufi del grigio e del freddo dell’inverno abbiamo deciso di fare un break: volevamo un’ isola al caldo ma senza afa opprimente, con mare bello e spiagge da sogno, sabbia bianca da cartolina e in cui arrivare facilmente e in cui comunicare con le persone senza problemi. In più, last but not least, volevamo un luogo sicuro sia dal punto di vista sanitario che da quello politico dove poterci veramente rilassare.

Dopo varie ed accurate analisi (io sono del segno della Vergine per cui passo al setaccio tutto ma proprio tutto) la scelta è caduta su BARBADOS, e devo dire che è stata una scelta ottima.

Barbados è un’isola dei Caraibi, fa parte delle Piccole Antille, è interamente corallina per cui garantisce agli amanti  del dolce far niente e della tintarella, sabbia bianca con sfumature rosa e acque turchesi. Da un lato si affaccia sul Mar dei Caraibi, calmo, ricco di pesci colorati e tartarughe marine (uno spettacolo unico per grandi e piccini) e dall’altro sull’Oceano Atlantico che offre, invece, onde strepitose ai surfisti esperti : qui, infatti, si tiene il campionato mondiale di surf; in questo lato dell’isola potrete vedere scogliere mozzafiato e spiagge che non finiscono mai (per la balneazione meglio però il Mar dei Caraibi perché sull’Atlantico le correnti sottomarine sono molto forti).

Barbados fino a 50 anni fa era una colonia inglese, oggi è indipendente ma è ancora un Reame del Commonwealth che conserva tutto il fascino coloniale e soprattutto il buon gusto, la riservatezza e le buone maniere inglesi. Le persone sono molto gentili e disponibili.

Non sono necessarie particolari attenzioni alimentari né vaccinazioni; giusto per scrupolo conviene fare l’antiepatite A che comunque fa sempre comodo avere se si viaggia nelle zone subtropicali e tropicali. La cucina è ottima, un mix di cucina internazionale  e di cucina creola che qui si chiama Bajan. La cucina Bajan è una miscela deliziosa di sapori frutto delle influenze africane, caraibiche, europee e delle Indie Occidentali e offre un’autentica e unica esperienza per il palato. Come ci si potrebbe aspettare, il pesce costituisce il piatto forte visto che le acque circostanti offrono un’abbondanza di prelibatezze come tonni, squali, salmoni, merluzzi e martin pescatori, oltre a gamberetti, aragoste, granchi e ricci di mare.
Ma è soprattutto il pesce volante, il simbolo nazionale di Barbados, a dare un tocco di raffinatezza ai piatti dei commensali . Oltre al pesce, una varietà di carni come pollo, manzo, maiale, tacchino ed anitra completa le ricette di molti piatti Bajan. Questi cibi vengono serviti fritti, alla griglia, al forno, arrostiti o in salamoia.

Gli alberghi sono di ottimo livello noi abbiamo soggiornato per 3 notti al Turtle Beach Hotel e per altre 3 notti all’Almond Beach Resort, tutti e due praticamente sulla spiaggia e dotati di bellissime piscine: i bambini si sa che, anche se c’è un mare da sogno,  amano  tuffarsi e giocare in piscina. Al mare ed al sole ci siamo stati, del resto a chi non piacerebbe crogiolarsi al sole allietati da un piacevole venticello mentre in Patria piove o nevica! Ma siamo stati anche molto in giro per l’Isola che offre molto in termini di bellezze naturali e di vegetazione.

All’interno la vegetazione è tropicale e rigogliosa, consigliamo di vedere la Flower Forest e la Harrison’s Cave una grotta calcarea e di corallo fossile che si visita con un simpatico trenino, rimarrete affascinati dalle stalattiti e dalle stalagmiti che formano suggestive sculture. Da non perdere la Barbados Wildlife Reserve un parco in cui è possibile vedere le piccole scimmie verdi (simpatiche e curiose), i cerbiatti e tantissime tartarughe. Vi consigliamo di effettuare la visita intorno alle 14.00, è il momento in cui viene dato da mangiare agli animali e le scimmie ne combinano di tutti i colori regalando ai bambini uno spettacolo divertente ed affascinante.

Un altro luogo magico assolutamente da non perdere  è dato dagli Hunte’s Gardens, bellissimi giardini in posizione centrale rispetto all’isola, facilmente accessibili da tutta Barbados. La visita di questi giardini offre agli amanti della natura una delle più belle esperienze che si possono trovare nelle isole dei Caraibi dell’Est. Il parco è stato creato dall’affascinante orticoltore Anthony Hunte, questi giardini straordinari si snodano all’interno di un’ampia gola già ricca di vegetazione tropicale, Hunte la ha arricchita con innumerevoli fiori tropicali, ninfee, orchidee e piante rare fra cui la mimosa sensibile una pianta le cui foglie si richiudono se toccate, mentre si gira il giardino una dolce musica classica accompagna il visitatore e, finita la visita, è possibile degustare una limonata al ginger comodamente seduti nella veranda di Mr Hunte. Questo giardino è una espressione del paradiso!

Di cose ne abbiamo fatte tante, abbiamo poi visitato i fondali, la barriera e tanti bellissimi pesci colorati comodamente seduti all’interno del sottomarino Atlantis Submarines e trascorso un’intera mattina sul catamarano Tiami Luxury Cruises che ci ha portati nelle più belle spiagge dell’Isola e ci ha fatto vedere l’imponente villa della cantante Rhianna che, non so se lo sapete, è originaria di Barbados! Ci siamo tuffati in acque turchesi e blu ed abbiamo nuotato con le tartarughe marine.

Barbados si rivela un luogo magico per trascorrere una vacanza all’insegna del relax con tutta la famiglia: il mare e le spiagge sono spettacolari, gli hotel ed i resort sono di ottimo livello, si possono praticare tanti sport dal surf, al kite surf alla vela, si possono fare bellissime immersioni, tennis, equitazione e passeggiate a cavallo, si può girare per Bridgetown la colorata capitale, fare un po’ di shopping ed il venerdì sera ad Oistin assaggiare del delizioso pesce fresco cucinato alla brace, ascoltare musica e curiosare fra le tante bancarelle che il venerdì sera animano questa carinissimo villaggio di pescatori (Oistin’s Friday Night).

Il volo è diretto da Londra, operato giornalmente da British Airways con un confortevole Boeing B777, il volo dura circa 8 ore e mezza, la compagnia è di primissimo livello e, a bordo vi sono anche film in italiano.

Lasciatevi consigliare … prenotate una vacanza a Barbados, ci ringrazierete!

Per maggiori informazioni visitare il sito www.visitbarbados.org

Di Chiara Rosati
Immagini di Chiara Rosati, Stefano Monteleone, Barbados Marketing Tourism Inc.