New York: il pieno di energia per tutta la famiglia

vedi mappa |
New York | Stati Uniti

Parlando o scrivendo di New York, si rischia sempre di dimenticare qualcosa. L’argomento è talmente ampio che inevitabilmente non si riesce a descrivere tutto ciò che si può vedere, fare, comprare, conoscere.

New York è indiscutibilmente multietnica, multiculturale … in definitiva è un po’ multiTUTTO.

Anche se a prima vista New York potrebbe sembrare una destinazione essenzialmente “per adulti”, in realtà una famiglia con bambini si troverebbe estremamente a proprio agio visitando questa “perla” degli Stati Uniti. Ogni ristorante provvede adeguati menù per piccoli ospiti; la città presenta ampi spazi verdi ad ogni angolo: parchi di vaste dimensioni (l’esempio più importante è certamente Central Park), o piccoli giardini, sempre rigorosamente attrezzati con scivoli, altalene e giochi per bambini.

Questo permette un adeguato equilibrio per le famiglie: i genitori possono rilassarsi sulle panchine al fresco di grandi alberi tenendo adeguatamente sotto controllo i propri figli che si intrattengono con le attrezzature a disposizione. Inoltre ogni angolo verde della città, sia questo grande o piccolo, pullula letteralmente di scoiattoli che, di solito, sono anche particolarmente socievoli e si avvicinano volentieri alle persone, in cerca di qualche briciola. Considerato che da noi non è assolutamente facile vedere uno scoiattolo così da vicino, i bambini generalmente rimangono estasiati da questi incontri, quindi bisogna ricordarsi sempre di portare dietro qualche briciolina di pane o di biscotto quando si visitano i parchi cittadini….sarà cosi inevitabile ritrovarsi circondati da queste simpatiche bestiole.

Genitori e bambini vivranno un’esperienza indimenticabile visitando la terrazza panoramica dell’Empire State Building che, con i suoi oltre trecento metri di altezza è il grattacielo più alto della città (dopo il crollo delle Torri Gemelle ed in attesa che sia terminata la Freedom Tower che dominerà il sito del World Trade Center e si innalzerà per circa cinquecento metri dal suolo di Ground Zero).

Una visita alla Statua della Libertà permetterà di godere di una magnifica vista della punta Sud di Manhattan dalla baia e di visitare l’interessante Ellis Island dove coloro che arrivavano dall’Europa, durante i grandi flussi migratori della prima metà del ‘900, venivano visitati ed eventualmente posti in quarantena prima di poter ottenere un permesso di soggiorno per gli Stati Uniti. Il museo presenta interessanti grafici interattivi ed un importante galleria fotografica relativa al fenomeno migratorio che ha interessato gli Stati Uniti fra il 1800 ed il 1900.

Non si può dimenticare di parlare di Broadway: il cuore pulsante della città e Mecca del teatro a livello mondiale. Qui i più famosi nomi della cinematografia di oggi e di ieri si esibiscono in musicals, commedie e drammi con produzioni ad altissimo budget ricche di effetti speciali e mastodontiche scenografie. In tutto questo spiccano i famosi musicals della Disney: “Mary Poppins” ed il “Re Leone”. Tutte le sere, ma anche un paio di pomeriggi durante la settimana, le luci si accendono sui palcoscenici delle decine e decine di teatri di Manhattan per la gioia di grandi e piccoli che potranno vivere due ore di vera magia assistendo alle loro storie preferite interpretate da grandi attori.

Il centro vitale di tutte le attività di New York, ivi compresi i teatri di Broadway, è senza dubbio Times Square. L’incrocio fra la Settima strada e Broadway crea uno slargo che negli anni è stato tappezzato di insegne al neon e luci nonché di vetrine e cartelloni di enormi dimensioni.

Times Square offre uno spettacolo mozzafiato sia di notte che di giorno. A Times Square si trova un grandissimo Disney Store. Una visita a questo enorme emporio della fantasia Disneyana farà sicuramente la gioia dei bambini ma sarà una grande attrattiva anche per i genitori. Ci sono inoltre altri grandi negozi dedicati ai bambini ed alla fantasia: a pochissimi passi a nord di Times Square si trova l’emporio M&Ms dove i coloratissimi bottoncini di cioccolato sono presentati nelle confezioni più incredibili ed addirittura venduti sfusi dando la possibilità a tutti di sbizzarrirsi con le combinazioni di colori e quantità.

Poi non bisogna assolutamente tralasciare il negozio della LEGO al Rockfeller Center. Qui i mattoncini sono assemblati nella riproduzione dello stesso Rockfeller Center oltre che in fantasiose creazioni che arredano i due piani del negozio. Anche in questo caso, oltre alla confezioni a tema, i mattoncini vengono venduti sfusi a peso. Ogni adulto che visita New York non può mancare di vedere lo spettacolare Rockfeller Center con la sua famosissima pista di pattinaggio sul ghiaccio che compare in ogni film girato in città, e la presenza del LEGO Store in questo contesto garantisce anche la soddisfazione dei piccoli turisti insieme a quella dei propri genitori.

Ogni visita alla città di New York non può non prevedere una mezza giornata da dedicare a Central Park. All’interno del parco si trova un interessante giardino zoologico con una importante sezione tutta dedicata ai bambini. Si può assistere ad un divertente spettacolo con le foche oltre ad essere coinvolti dal personale dello zoo in attività interattive che illustrano le meraviglie del mondo animale alla presenza delle bestiole più amate dai bambini.

Ad un lato di Central Park si trova anche l’enorme Museo di Scienze Naturali. Serve una giornata quasi completa per visitarlo adeguatamente, cosi come la maggior parte degli altri interessantissimi musei di Manhattan, ma questo è sicuramente quello che può maggiormente attrarre l’attenzione di bambini ed adolescenti: anche qui, oltre agli ambienti naturali accuratamente ricostruiti, si trova un’ampia sezione interattiva che permette anche ai più piccoli di capire concretamente come funziona il nostro pianeta nelle sue varie particolarità.

Poi si può visitare una vera Portaerei ormeggiata ad un molo dell’Hudson River. La portaerei è oggi un museo aeronavale dove è addirittura esposto un vero Concorde, oltre ad aerei ed elicotteri militari. Si può anche partecipare, la domenica mattina, ad una messa in una delle tante chiese di Harlem, il quartiere nero, dove si viene sempre accolti con grande calore e simpatia, e qualche volta anche invitati a trattenersi per il pranzo, e dove tutta la messa è intervallata da commoventi canti Gospel che coinvolgono tutta l’assemblea.

Non vorrei dimenticarmi di menzionare il Ponte di Brooklyn ed il Brooklyn Park sulla sponda est dell’East River, dal quale si gode una magnifica vista della zona di Wall Street. Così come vorrei menzionare il Pier 17 ai piedi dello stesso ponte di Brooklyn: un pittoresco centro commerciale con un piano tutto dedicato alla gastronomia dove passare un paio di ore in allegria.

Non vorrei neanche tralasciare il Frank Sinatra Park ad Hoboken, sulla sponda ovest dell’Hudson River, dal quale si può ammirare il fantastico profilo di Manhattan. Hoboken si può raggiungere dalla Penn Station con il Path, un treno metropolitano che fa spola fra Penn Station e l’altro lato del fiume, al costo di 1 dollaro.

Non vorrei dimenticare di suggerire una visita al Memoriale dell’ 11 Settembre.

Chiunque abbia vissuto quella giornata del 2001 seguendo via radio, televisione od Internet quel dramma, non potrà trattenersi da un pensiero commosso.

Vorrei inoltre ricordare di passeggiare qualche ora fra i negozi di antiquariato del Greenwich Village, il quartier degli artisti, caratteristico per la basse case a due/tre piani e le strade alberate.

Sono veramente tante le cose che si possono fare ed è impossibile elencarle tutte dettagliatamente in poche righe. Inoltre ritengo che la magia di New York sia anche lasciare ai visitatori grandi e piccoli, ad ogni famiglia con o senza bambini e ad ogni singolo individuo la libertà di scoprire autonomamente gli angoli più suggestivi, le attività più interessanti ed i percorsi più attraenti della città. La scelta non sarà facile, ma il risultato sarà sicuramente indimenticabile.

di Marco Ciaranfi
Photo credits: Marco Ciaranfi, Tom Perry (Sunset Skyline)