Arrivano al Bioparco ZOOM Torino due cuccioli di Panda Rosso

Una nuova attrattiva per bambini e adulti

l Panda Rosso, imparentato alla lontana con il Panda Gigante, è oggi una delle 100 specie di mammiferi a maggior rischio d’estinzione a causa della deforestazione che minaccia le foreste di bamboo del Sud Est Asiatico dove vive.

I due nuovi ospiti, come tutti gli animali ospitati nel Bioparco alle porte di Torino, provengono da altre strutture zoologiche europee, come stabilito dal programma d’interscambio dell’associazione EAZA: entrambi gli esemplari, due fratelli di 11 mesi, Aikuderen & Hong-xion, arrivano dal giardino zoologico inglese Port Lympne Wild Animal Park.

In Europa, nelle strutture EAZA, sono ad oggi ospitati 350 Panda Rosso, mentre in Italia sono solo 10 i Panda Rosso presenti nei parchi EAZA.

I nuovi arrivati saranno ospitati in un habitat ad hoc realizzato nella zona del parco dedicata all’ecosistema Asia e posizionato tra la “Giungla Asiatica”, abitata dai Siamanghi, il “Tempio delle tigri” dove, dal 2014, vivono i 3 fratelli di tigre siberiana e l’”Anfiteatro di Petra” dove volano rapaci diurni e notturni.

All’interno dell’habitat saranno presenti 4 grandi alberi, aceri americani, dove i panda potranno arrampicarsi e dove troveranno posto per risposare all’ombra. Nello steso spazio saranno presenti anche numerose piante di bamboo, di cui vanno ghiotti i Panda Rosso, e una struttura di legno, realizzata con legno di scarto proveniente dalla potatura degli alberi del parco, per soddisfare la loro curiosità e la loro voglia di arrampicarsi.

L’habitat è dotato anche di una holding che garantirà il benessere dei Panda in caso di temperature piuttosto fredde (tra i 0 e 25°C), anche se alcuni esemplari in natura sono abituati ad altitudini sopra i 3400mt con temperature che raggiungono i -7 -10°C.

Per la realizzazione di questa struttura, così come di tutti gli habitat presenti nel bioparco, sono state seguite le Swiss guidelines, le più rigide in termini di requisiti minimi per il benessere dell’animale, e le guidelines dell’EAZA (tramite un comitato scientifico dell’EEP, gruppo di specialisti delle specie a rischio d’estinzione che lavora con gli esperti della IUCN), per le indicazioni sulla gestione.

“Avere l’opportunità di ospitare il Panda Rosso – spiega Gian Luigi Casetta, fondatore e amministratore delegato di ZOOM Torino – è per noi un onore e al tempo stesso un’opportunità unica. La nostra mission infatti è quella di educare il pubblico alla salvaguardia e alla tutela delle specie. Poter far conoscere un esemplare simbolo di biodiversità ad altissimo rischio a causa del comportamento sconsiderato dell’uomo, è quindi un’occasione speciale per indurre una riflessione e per coinvolgere attivamente i visitatori e renderli partecipi di come sia indispensabile muoverci per salvare il nostro Pianeta e le specie che lo abitano.”

CURIOSITA’: Il Panda Rosso, in lingua cinese è anche conosciuto col nome di huo hu che letteralmente significa “volpe di fuoco”, nome che ha ispirato i creatori del browser Firefox, dove compare anche nel logo.

Sono Panda Rosso il Maestro Shifu di Kung Fu Panda e il personaggio Kiki della serie animata Il Libro della Giungla.