MENU DI NAVIGAZIONE
Inverno, la favola del Salisburghese con i bambini

Inverno, la favola del Salisburghese con i bambini

rs106__n4g1595-lpr

Stille Nacht! Heilige Nacht! Alles schläft. Einsam wacht…

È l’inizio di uno dei canti natalizi più famosi al mondo, tradotto in 300 lingue e dialetti. “Stille Nacht”, noto anche nella versione inglese di “Silent Night” e in italiano “Astro del Ciel”, venne eseguito per la prima volta nel 1818 nella chiesetta di St. Nikolaus a Oberndorf, presso Salisburgo. Dopo quasi due secoli, sono ancora miliardi le persone di tutto il mondo che la notte di Natale cantano le note di questa dolce melodia.

Il testo fu scritto dal parroco Joseph Mohr che chiese all’insegnante e organista di Oberndorf Franz Xaver Gruber di musicare il brano per coro e chitarra. Grazie alla “Stille Nacht Card” è possibile visitare le sette località “Stille-Nacht” in un viaggio esplorativo attraverso il Salisburghese alla scoperta dei sette paesini legati alla vita di Mohr e Gruber: musei, mostre e chiese narrano la storia di questo canto ed è possibile accedervi con riduzioni.

Ascoltando o sussurrando la melodia di “Stille Nacht” il pensiero corre subito all’Avvento. Sono moltissimi i salisburghesi che ancora oggi visitano Oberndorf per vivere l’atmosfera suggestiva del mercatino di Natale, sulla Stille-Nacht-Platz, davanti alla cappella dedicata al canto natalizio.

Tradizioni, Avvento e mercatini di Natale nel Salisburghese

Come in tutta l’Austria anche nel Salisburghese l’Avvento è tempo di tradizioni, biscotti fatti in casa, candele accese, rami d’abete e bancarelle colorate nei mercatini natalizi. Ogni cittadina e paesino del festeggia l’attesa del Natale con svariate iniziative e ciascuno ha il proprio piccolo o grande “Mercatino di Natale” che apre i battenti verso metà o fine novembre.

A partire naturalmente dal capoluogo regionale Salisburgo dove il “Christkindlmarkt” è allestito nel centro storico regalando eleganza e un’atmosfera intima alla nobile città di Mozart, con l’aria che si riempie di profumo di vin brulé e biscotti alla cannella, delle note e melodie dei cori di Natale davanti al duomo e i tetti imbiancati per un tocco incantato e un’atmosfera di magia. Anche il Castello di Hellbrunn propone un mercatino di Natale particolarmente suggestivo: nel cortile interno, presso i giochi d’acqua, vengono allestite le tradizionali bancarelle in legno che vendono oggetti d’artigianato.

In montagna, a Grossarl e Hüttschlag, i mercatini di Natale sono impreziositi da un presepe in legno di cirmolo a grandezza naturale e i bambini possono sbizzarrirsi con divertenti laboratori e imparare a fare i biscotti o imbucare le letterine presso l’ufficio postale degli angeli. Il mercatino di Natale di Zell am See invita tutti a scoprire la piazza davanti al Ferry Porsche Congress Center vestita d’inverno: un’atmosfera romantica tra il laboratorio del Bambino Gesù, le sfilate dei Krampus e i concerti.

I sapori della tradizione e il paesaggio bianco di neve caratterizzano anche l’Avvento ad Altenmarkt-Zauchensee: il tradizionale folclore natalizio, una gigantesca corona d’Avvento illuminata dalle candeline e squisite specialità locali incantano grandi e piccini. Il mercatino d’Avvento di St. Leonhard propone meravigliosi oggetti d’artigianato salisburghese e varie iniziative artistiche attendono i visitatori nel santuario. Molto suggestivo è l’Avvento sul lago Wolfgangsee con la luce della pace che illumina le acque in una lanterna galleggiante e si possono fare gite in battello fino alla parete Falkensteinwand, da dove l’eco degli strumenti a fiato risuona su tutto il lago.

Aree sciistiche family friendly del Salisburghese

Inverno è tempo di neve, soprattutto qui. Tante sono le aree sciistiche del Salisburghese, perfettamente attrezzate a ospitare le famiglie con ogni sorta di divertimento sulle piste da sci e a condizioni “family-firendly”, a partire dagli alloggi, hotel specializzati nell’ospitalità per famiglie con bambini e dotati di aree gioco e strutture su misura per i piccoli fino alle fattorie e agli agriturismi per le famiglie.

Tra queste sono da citare assolutamente il vasto comprensorio sciistico di Saalbach-Hinterglemm Leogang Fieberbrunn che offre oltre 270 km di spasso sulla neve all’insegna del fun&action puro: pendii dolci, ampie piste per il carving fino alle discese di Coppa del Mondo, qui è possibile trovare davvero di tutto per offrire il massimo ai principianti e agli esperti di sci e snowboard.

Zell am See-Kaprun è un’altra area sciistica da favola con panorami mozzafiato e la sci-arena del ghiacciaio dello Kitzsteinhorn.

Lofer con la Loferer Alm svetta su tutti per essere un comprensorio particolarmente indicato alle famiglie e vanta la nuova “Schwarzeckbahn”, la prima seggiovia a 8 posti al mondo a presentare un equipaggiamento di prim’ordine e assolutamente concepito per le famiglie: poggiapiedi centrali, carenature e sedili riscaldati, protezioni anticaduta garante di grande sicurezza per i bambini con il massimo comfort per tutti. Altre aree sciistiche da annoverare sono a Flachau, Ski Amadé e la regione della Wildkogel-Arena nell’area vacanza del Parco Nazionale degli Alti Tauri con 61 km di piste.

Cosa fare e cosa vedere con i bambini nel Salisburghese

Se si volesse poi un po’ di alternanza alla quotidianità sulle piste, magari anche dove riparare in caso di tempo avverso, il Salisburghese ha le risposte per ogni gusto. A partire da attimi di relax e wellness, sempre divertenti anche per i piccoli, alle terme come le Watzmann Therme appena al di là del confine in Germania, o l’Alpentherme Gastein a Bad Gastein.

Gli appassionati di motori troveranno pane per i propri denti al fahr(T)raum in Mattsee, un mondo esperienziale interattivo che espone auto storiche firmate Austro-Daimler, Lohner, Steyr e Porsche a partire dal 1900. Un tempo il sale veniva chiamato “l’oro bianco”; i giacimenti di sale formatisi milioni di anni fa sotto al monte Dürnnberg, presso Hallein, costituiscono davvero il tesoro della regione. Nella miniera di sale visitabile più antica al mondo, i Salzwelten di Hallein, grandi e piccoli visitatori dai quattro anni vanno alla scoperta di tesori, percorrendo chilometri di misteriose e antichissime gallerie.

Per gli appassionati di storia e musei la regione propone il Keltenmuseum Hallein sulla storia e arte celtica in Europa, il Museumburg Golling con raccolte storico-naturalistiche, la fortezza Burg Hohenwerfen, il Nationnalparkzentrum Hohe Tauern che offre un centro visitatori di 1800 m²: un mondo panoramico a 360 gradi dove è possibile vivere emozioni a contatto con la natura e le vette dei Monti Tauri vissuti sotto varie prospettive grazie alle più moderne tecniche in HD, giochi di luce, ombre, suoni e atmosfera.

Prima di tuffarsi alla scoperta della regione, sulla neve e non, è utilissimo acquistare la SalzburgerLand Card che offre vantaggi e riduzioni su ben oltre 190 attrazioni del Salisburghese!

Testo Elisabetta Redaelli
Photo credits: SalzburgerLand