Intervista al comandante Blanco di Air Europa, l’importanza di volare sicuri

volare con i bambini air europa

Fondata nel 1986, nel 1993 Air Europa è stata la prima compagnia aerea privata spagnola ad operare con voli di linea regolari, interrompendo il monopolio di Iberia sulla Spagna. Un paio di anni più tardi, nel 1995, Air Europa esce dai confini domestici avviando le prime operazioni verso destinazioni internazionali tramite il suo hub principale, l’aeroporto Barajas di Madrid.

La storia di Air Europa degli ultimi 10 anni parla di una costante crescita del vettore sotto tutti i profili, espansione del network con l’apertura di nuove rotte verso l’Europa e l’America del Nord e del Sud, e una importante politica di innovazione tecnologica con una costante attenzione alle problematiche della sicurezza e dell’ambiente.

Air Europa è operativa sul mercato italiano dal 1999. In Italia il vettore spagnolo è presente in due dei principali scali nazionali: Milano Malpensa e Roma Fiumicino con voli da e verso la capitale spagnola. Da Madrid infatti i passeggeri possono usufruire di comode coincidenze per le Isole Baleari e Canarie e ben 19 destinazioni long-haul in Nord e Sud America: Buenos Aires, Montevideo, Santiago del Cile, Santa Cruz de la Sierra, Lima, San Paolo, Salvador de Bahia, Caracas, Asunción, Bogotà, Santo Domingo, Punta Cana, l’Havana, San Juan de Puerto Rico, Cancun, Cordoba, Guayaquil, New York e Miami.

Accanto all’offerta di lungo raggio Air Europa offre anche una serie di collegamenti interni in tutta la Spagna.
Grazie alle comode coincidenze i viaggiatori italiani potranno raggiungere le Isole Baleari (Ibiza,
Palma di Mallorca, Minorca), le Isole Canarie (Tenerife, Gran Canaria, Fuerteventura, Lanzarote) e le più
importanti città iberiche continentali: Alicante, Asturias, Barcellona, Bilbao, Granada, La Coruna, Malaga, Melilla, Santiago de Compostela, Saragozza, Siviglia, Valencia e Vigo.

La flotta di Air Europa è considerata moderna e di ultima generazione con un’eta media di 7 anni. Complessivamente, la flotta comprende 48 aeromobili efficacemente ripartiti sulle rotte domestiche e internazionali: 11 Embraer 195, 20 Boeing 737-800 di ultima generazione di cui due modello Sky Interiors, 15 Airbus A330 e 2 nuovissimi Boeing 787-800 Dreamliner, destinati ai voli intercontinentali.

Dal 1991 Air Europa ha intrapreso un percorso di affermazione tra le compagnie aeree più moderne d’Europa. Oltre alla qualità della flotta e ad una scrupolosa attenzione alla manutenzione degli aeromobili, il vettore ispanico presta grande attenzione alla qualità del sevizio offerto a bordo e al comfort dei propri passeggeri che sono una delle priorità del vettore spagnolo.

Volare con i bambini: naturalmente anche i bambini ricevono uno speciale kit di “benvenuto” a bordo a loro dedicato, che comprende lavagnette magiche e album da colorare: una simpatica sorpresa molto apprezzata dai piccoli passeggeri.

Chiara Rosati di bimboinviaggio.com ha avuto l’opportunità di intervistare un pilota della compagnia aerea Air Europa, il Comandante Guillermo Blanco.

pilota Guillermo BlancoPartiamo dalla sua carriera e dal suo primo volo in assoluto con un aereo di linea. Comandante come è nata la spinta a fare il pilota di aerei e cosa ricorda di quel primo giorno?

Ho iniziato a pensare agli aerei fin da piccolissimo. A 12 anni già costruivo modellini di aereo con cui giocavo senza tregua. La prima volta che ho indossato l’uniforme per effettuare il mio primo volo in una compagnia aerea, ho realizzato un sogno che ho rincorso per tutta la vita.

Come si è svolto il suo addestramento?

Ho iniziato a 17 anni  come  pilota privato di aerei da turismo. Terminato il liceo  , sono entrato in una scuola di volo a Madrid, dove ottenni il brevetto  di pilota commerciale, e completai i miei studi con il  titolo di trasporto di Linea aerea a Salamanca in quello che allora era la “Escuela Nacional del Aire”.

Su quanti tipi di aeromobili è abilitato a volare e su quali tratte vola?

Fortunatamente ho volato su 4 tipi di aeromobili : Fokker, Boeing, Airbus ed Embraer. Ho iniziato in compagnia aerea col leggendario Fokker 27, facendo voli tra le Isole Canarie già 20 anni fa. Successivamente sono passato al Boeing 737 volando su vari modelli come il  300, 400, 600 e 800. Ho volato poi per  10 anni con l’Airbus 330, facendo voli transoceanici e viaggiando in  Sud-America, Nord America, Africa ed Asia. Attualmente, da tre anni, volo su uno stupendo aeroplano: l’Embraer 195 operando rotte europee.

Quella del pilota è sempre stata una figura romantica che suscita curiosità nelle persone cosa ha imparato da questa esperienza di vita prima ancora che di lavoro?

Svolgere il mio lavoro insieme a colleghi piloti, personale di cabina e passeggeri di tutto il mondo, ha fatto sì che la mia mente si aprisse a nuove culture, modi di vivere etc…
Credo che il romanticismo della nostra professione si trovi nell’avere la possibilità di incrociare durante la carriera professionale e nel corso degli anni, persone molto diverse da te ma con cui intraprendi poi rapporti di amicizia duraturi. Inoltre, grazie all’aviazione, il mondo diventa davvero  piccolo.

C’è un aneddoto significativo nella sua carriera che le è capitato e che ci può raccontare?

Indipendentemente dagli aneddoti riguardo ad anomalie a bordo e che abbiamo sempre risolto senza nessun tipo di problema, esistono diversi aneddoti con i passeggeri.
In una di queste occasioni, viaggiavamo con un grosso gruppo di studenti e durante il volo e l’atterraggio, si verificarono delle turbolenze. Al momento dello sbarco, gli studenti si misero tutti in fila indiana sul piazzale dell’aeroporto e prima di salire sull’autobus che li avrebbe trasportati nell’aerostazione, cominciarono ad applaudire per ringraziare lo sforzo  dell’equipaggio durante il volo.

Quali sono le maggiori soddisfazioni del suo lavoro?

Realizzare il mio  lavoro al meglio; trasportare i passeggeri da A a B facendoli arrivare a destinazione con maggiore sicurezza, efficienza e puntualità e far sì che l’esperienza di volo sia il più piacevole possibile.

Comandante oggi stanno entrando in servizio nelle flotte commerciali velivoli di ultima generazione molto sofisticati sotto tanti punti di vista. Cosa ne pensa ad esempio dei nuovi B-787, A-380 o A-350? C’è sempre soddisfazione a pilotare aerei che possono fare quasi tutto da soli rispetto ad aerei di generazione più vecchia.

Fortunatamente Air Europa dispone di aerei di nuova generazione, incluso il nuovo Boeing 787 Dreamliner utilizzato attualmente per coprire la rotta su Miami. Si tratta di un aeromobile di grande efficienza e che in più rispetta l’ambiente. Pilotare questo tipo di aerei moderni dà molte soddisfazioni proprio per il fatto di poter utilizzare le ultime tecnologie che rendono l’esperienza di volo ancora più sicura, comoda ed efficiente.

Quali sono i valori principali della Compagnia presso la quale lavora?

Per Air Europa, il vero motore  trainante è il suo staff. Nel mio caso, mi ha permesso di crescere e progredire come pilota, avendo sempre accesso alla tecnologia più moderna a disposizione, ampliando la mia formazione in maniera costante, dandomi sempre più soddisfazioni durante  la mia carriera di pilota.

Che consiglio da ad un bimbo di 5 anni che affronta il suo primo volo?

Il mio consiglio è quello di godersi al massimo la magnifica esperienza del volo. Approfittare di tutte le attenzioni  offerte del personale di cabina che renderanno la sua esperienza unica. Ed infine di godersi  l’intero viaggio fin dal primo istante in cui entrerà su questo mezzo di trasporto così bello come l’AEREO.

di Chiara Rosati